Home Cultura Libri

“Racconti randagi”, l’esordio letterario di Emiliano Baroni

SHARE
emilianobaroni

15 racconti sull’Italia di oggi

Pubblicato intorno alla metà di marzo, per i tipi di Meligrana Editore (Collana “Narrativa inclusa”), l’esordio letterario di Emiliano Baroni, dal titolo “Racconti randagi”, disponibile sia in edizione cartacea che in digitale.

L’autore, classe 1976, è nato e vive a Roma; laureato in Scienze Politiche, lavora per una Compagnia d’assicurazioni. Innamorato dell’arte, del disegno e della scrittura, tira fuori dal cassetto – in cui aveva, in tempi diversi, conservato le parole – quindici racconti, per narrarci fatti, situazioni e personaggi dell’Italia di oggi. Il filo conduttore dei racconti è un linguaggio snello e immediato che, servendosi dell’ironia, racconta con ironia storie vere o romanzate con la capacità di strappare qualche sorriso, seppur amaro, anche quando descrive il dolore.

Tra i racconti: “La fidanzata di papà” parla di un bambino che alla fine degli anni ‘50 si ritrova a spiare l’adultero padre in un’ambientazione dai toni noir e finisce per fare una scoperta davvero sensazionale. “La stanza”, un altro dei racconti inseriti nel libro, racconta l’esperienza tragicomica di un uomo all’interno della cella d’isolamento di un vecchio manicomio. “Il ferro da stiro” parla della visita di un assicuratore all’interno di uno sfasciacarrozze e l’incontro grottesco con il bizzarro custode. “Il cane e la cassetta degli attrezzi” è uno sguardo ironico rivolto al mondo dei neolaureati in cerca d’impiego attraverso il racconto di alcuni brevi colloqui tanto incredibili da sembrare inventati. “Un ‘vecchio’… ricordo” è l’avventura erotica che l’anziano protagonista vive ripescandola da un lontanissimo passato. “La carezza” e “L’assurdo dolore” sono due “cartoline dal cancro”. Il tentativo di rappresentare una personale emozione attraverso i racconti, simili ad istantanee di due episodi realmente accaduti. “Sognando la finale” è il più lungo dei racconti presenti in questa raccolta e ci accompagna nel dramma di un uomo che cerca ristoro nella vendetta. Una storia thriller dai contorni quasi psicotici che finisce come davvero non ci si può aspettare.

Il libro, appena uscito, ha già suscitato l’interesse di pubblico e critica e sarà presto presentato a Roma. Una parte dei proventi della vendita del libro saranno devoluti all’associazione Antea che si occupa di assistere i malati in fase terminale.