Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

Il lungo weekend delle Dissonanze

SHARE
dissonanze

Tre giorni di musica per il più famoso festival italiano della musica elettronica.


Ritorna anche quest’anno il consueto appuntamento con uno dei piu` importanti festival di musica elettronica presenti nel panorama italiano. Ritornano l’avanguardia e la spregiudicatezza delle Dissonanze per un lungo weekend di tre giorni – dal venerdi` alla domenica – che non ci lascera` nemmeno il tempo di prendere fiato. Le diverse location, come sempre esclusive, vanno dal Chiostro del Bramante per il pre serata del venerdi`, proseguendo al Palazzo dei Congressi con le serate del venerdi` e del sabato, concludendo poi all’ Ara Pacis per l’appuntamento finale di domenica. Una panoramica a trecentosessanta gradi sulle declinazioni sonore della contemporaneita` che vedra` esibirsi alla consolle alcuni tra i piu` importanti djs del momento, riuniti tutti insieme a Roma per un evento indimenticabile in cui la musica sara` punto di partenza e punto di arrivo: cio` che ancora non e` stato visto, ascoltato, sentito, ballato, ci sara` al Dissonanze. Una mescolanza di suoni, immagini e sensazioni dalle infinite possibilita`, esplorando tutte le frontiere della musica elettronica. La line up e` ovviamente ricchissima, si comincia al Chiostro del Bramante con le performance live di Black Fanfare e Ben Frost e si prosegue con Niños Du Brasil feat Nico Vascellari e Assume Vivid Astro Focus. Ci si sposta al Palazzo dei congressi all’ Eur per la prima serata e la programmazione non smette di stupire. Citando solo alcuni dei nomi piu` importanti che si alterneranno alla consolle: Richie Hawtin che ci stupira` con i suoni perfetti e carismatici della sua minimal techno, le accattivanti sonorita` di Troy Pierce, la techno piena di echi e riverberi del giovanissimo ma promettente Barem, gli strabilianti remix di Coldplay, Roxy Music e Beastie Boys della coppia Rub-n-Tug.
Emozioni e sperimentazioni continuano durante la seconda serata al Palazzo dei Congressi. La lista dei grandi ospiti internazionali non si e` esaurita ma al contrario promette di continuare a sorprendere ed entusiasmare: Joris Voorn e la strabiliante energia della sua techno tagliata da improvvise sospensioni a volte sognanti a volte dure e dal ritmo funk, l’electro house dell’italiano Marco Passarani, le armoniche fusioni tra jazz soul ed elettronica di Jamie Liddel che presentera` in anteprima il suo nuovo album, la sorprendente freschezza e inventiva di Seth Troxler direttamente da Detroit, la patria dell’elettronica.
L’ Ara Pacis, suggestiva cornice della serata conclusiva di domenica, si trasformera` invece per una notte in teatro di sperimentazione con incredibili performance tra musica e visual art dove grafica, cortometraggi e animazione di Nexus si mescoleranno con l’ipnotico spettacolo di suoni luci e geometrie laser di Edwin Van Der Heide.

Informazioni:
www.dissonanze.it

Claudia Pierucci