Home Cultura Musica e Rumori di Fondo

UN TOUR NELLE CARCERI MINORILI PER SENTIRSI LIBERI DI CONTARE ANCHE LE NUVOLE

SHARE

Diciassette tappe in giro per l’Italia per dar voce ai giovani  che stanno scontando la pena e regalare musica per poter ricominciare a sognare
Alberto da dove è venuta l’idea di fare un tour itinerante all’interno delle realtà dei carceri minorili italiani?
Già avevo fatto un concerto a Rebibbia nel 2001 e grazie a questo avevo avuto l’opportunità di conoscere e allo stesso tempo di entrare e vivere per un giorno la realtà carceraria. Poi visto il periodo storico che stiamo vivendo, con questo intendo la formazione di nuove baby gang e l’abbassamento dell’età media delle persone che commettono reati gravi, ho pensato che del carcere minorile se ne parlasse pochissimo.

Per questo ho preparato il progetto insieme ad altre persone e l’ho presentato al Ministero di Grazia e Giustizia che ne è rimasto piacevolmente colpito e l’ha accettato. E così abbiamo iniziato con la prima tappa proprio a Casal del Marmo a Roma.
“Il fulcro di questo progetto è invitare i ragazzi ad esprimere, durante gli  eventi, le loro riflessioni sul concetto di libertà e sulle emozioni: amore, amicizia, famiglia, futuro e lavoro. Concetti capaci di farli sentire liberi, liberi anche di “volare”. La voce dei ragazzi sarà espressa in qualsiasi forma legittima (un disegno, un testo scritto, un discorso, una stessa canzone) e verrà poi divulgata in forma audiovisiva in un album che nascerà da questa esperienza e il cui ricavato andrà in beneficenza.

Ci vuoi raccontare le tue sensazioni durante il concerto di apertura del tour nel carcere minorile di Casal del Marmo?
L’emozione è stata forte, quando si pensa ad un carcere minorile si crede sempre che non sia un carcere vero e proprio, invece è un carcere a tutti gli effetti , non è un ambiente a cui si è abituati, sono posti che nella vita si spera sempre di non vedere mai, ma è stato bello.
Dopo aver superato la loro iniziale diffidenza nei mie confronti, sono riuscito a trovare la chiave di volta per riuscire a trasmettere le mie canzoni e allo stesso tempo le mie emozioni.
Non mi è stato difficile comunicare con loro, e come ho iniziato il concerto ho sentito con mia grande soddisfazione di essere riuscito a coinvolgerli  proprio nelle sensazioni che volevo trasmettere .
Con le mie frasi e con l’appoggio del mio grande amico Stefano Masciarelli, che ha insistito per essere anche lui vicino a me ad affrontare questo tema, spero di essere riuscito a diffondere questo bellissimo messaggio di sentirsi liberi anche quando non lo si è.
La detenzione è viva di emozioni, speranze e progetti che i reclusi, soprattutto minori, non devono mai abbandonare. Valori che la società esterna non deve mai dimenticare. L’idea di questo tour non è il concerto in sè, ma sarà portare fuori la voce del carcere, il pensiero e le emozioni dei minori limitati dietro le sbarre”.

Un aspetto sociale nonché artistico da non sottovalutare è che l’Associazione L1BER1 ONLUS,
già dalla prima tappa di Casal del Marmo, sta stimolando l’espressione sociale ed artistica dei ragazzi detenuti.
L’obiettivo è quello di dar voce ai ragazzi spingendoli a creare qualcosa che fuori li rappresenterà e li aspetta, infatti oltre al già menzionato cd che Alberto Mennini musicherà con i testi scritti dai ragazzi stessi, ad ogni tappa questi ultimi realizzeranno un’opera d’arte insieme all’Artista Cristiano Petrucci.
La prima opera è già stata creata all’interno dell’Istituto penale per minori di Casal del Marmo.
Non appena i motori si metteranno in moto ed il Tour muoverà verso Napoli, si accenderanno le telecamere e legato al Tour sarà realizzato un Documentario diretto dal regista Flavio Parente.
Documentario del quale è ancora prematuro parlare, dice il regista, e per il quale i primi input e le prime testimonianze “li abbiamo già avuti da Casal del Marmo, dove la sceneggiatura ha cominciato a scriversi da sola: io vorrei solo essere un sottile sensibilizzatore e dar forma a quelle emozioni che incontrerò strada facendo lungo il percorso del Tour di Alberto Mennini in tutti gli Istituti per Minori”.

“Voglio cogliere l’occasione –conclude Alberto Mennini- per ringraziare la mia band al completo: Gianluca d’Alessio e  Alex Massari alle chitarre, Fabrizio Sacco al basso, Daniele Jacono alla batteria e Francesco Di Marco agli arrangiamenti”.