Home Cultura Teatro

C’era una volta il re, un diario segna l’inizio di un’altra eta’

SHARE


Delle amiche, quarantenni, rileggono le pagine della loro giovinezza e si riscoprono adulte


Confrontarsi inaspettatamente col proprio passato è sempre disarmante, da qualche cassetto nascosto o da un armadio impolverato possono venire fuori tracce di un passato che sembrava completamente dimenticato ma che torna ad avere la consistenza della vita vera, vissuta. E questo succede al gruppo di amiche (Francesca Nunzi, Cinzia Berni, Rossana Bellizzi, Betty Senatore, Vittoria Donat-Cattin) che rientrano in contatto con un diario dell’ultimo anno delle scuole superiori. Sfogliare le pagine vorrà dire ripercorrere l’intera adolescenza, confrontarsi ovviamente con episodi felici e momenti di difficoltà, tutto in un solo colpo, con un passato che riemerge con forza e insieme con dolcezza, tra le parole di un tempo che ormai non c’è più ma che riesce a parlare alle donne meglio di qualsiasi discorso sul senso del diventare adulti e sulla necessità di crescere. Perché sarà questo il nodo cruciale, il risultato della lettura comune, che farà maturare nelle protagoniste la coscienza del tempo trascorso e di quello che c’è ancora a disposizione. A un giro di boa importante come i quarant’anni, in cui le rotte che si parano davanti sembrano essere molteplici e in conflitto tra sé, in cui i bilanci iniziano a essere tirati e i sogni a essere riposti, le amiche ritrovano una forza inaspettata che consente loro di vedersi con più onesta e ripartire, consapevoli della loro età e dei loro progetti, di quelli già avviati e di quelli riposti e che ora potranno essere ripresi tra le mani. È questa l’operazione tentata da Giovanna Chiarilli, autrice dello spettacolo che, nel segno della leggerezza, riesce a far riflettere e meditare. La regia dello spettacolo, che andrà in scena al Teatro 7 dal 12 al 14 ottobre, sarà curata da Alberto Santos.

C’era una volta un re
Dal 12 al 14 settembre
Teatro 7
Via Benevento 23 (Policlinico)
06/44236382
http://www.teatro7.it

Stefano Cangiano