Home Municipi Municipio IX

Il mercato Ferratella è stato spostato a via Sapori

Una novità che suscita polemiche di una fetta di cittadini ed esponenti politici

SHARE

FERRATELLA/LAURENTINO – Il mercato di via Quasimodo, che per molti anni ha fornito un servizio al quartiere Ferratella, ma ha anche portato con sé problemi di decoro, è stato spostato al Laurentino, in via Sapori, il 29 marzo scorso. Il giorno precedente è stato effettuato un incontro in Municipio IX, alla presenza anche di comitati, operatori di settore e cittadini, proprio sull’argomento. Il mercato saltuario, che si svolge attualmente due giorni a settimana, il mercoledì e il venerdì, nel parcheggio del mercato fisso Laurentino, ha destato preoccupazione soprattutto per problemi relativi a viabilità e traffico. E durante il giorno dell’inaugurazione alcuni cittadini hanno manifestato il loro dissenso, ma il Vicepresidente e Assessore alle Attività Produttive del Municipio IX, Roberto de Novellis, ha rassicurato che il mercato, nella nuova sede, non sta generando problemi: “Mercoledì mattina (il 5 aprile, ndr) ci sono passato davanti, il traffico era scorrevole come sempre, era ordinato e senza abusivi”. Gli operatori commerciali, attualmente, sono “contenti dello spostamento e alcuni cittadini di Ferratella hanno ringraziato per la liberazione dal degrado”, ha continuato il Vicepresidente, confermando che a un mese dallo spostamento verrà fatta “una Commissione per ogni opportuna valutazione sull’andamento della nuova collocazione temporanea”.

LA STORIA – Nonostante le rassicurazioni del Municipio, ciò che i cittadini temono è che la nuova sede di via Sapori da momentanea si trasformi in definitiva. Del resto questo è ciò che successe quando, nel 2006, il mercato venne collocato a via Quasimodo. Una soluzione si sarebbe dovuta trovare entro il 2007 ma, com’è noto, da quel giorno sono passati più di 10 anni. Il cambio di rotta attuale è stato dato dall’inizio di un cantiere proprio sulla strada, fattore che ha reso poco sicura la collocazione del polo commerciale. La Polizia Locale, in virtù di questa ragione e dello stato di degrado in cui il mercato era immerso, ha raccomandato al Municipio di trovare urgentemente un altro luogo in cui spostare temporaneamente le attività, in vista di una risoluzione definitiva e a lungo termine. La scelta di via Sapori, anche se l’unica possibile secondo il Municipio stesso, per via delle caratteristiche non possedute da altri siti vagliati, ha scontentato molti cittadini, in particolare quelli del Laurentino, preoccupati per il caos che potrebbe crearsi, ma anche alcuni abitanti di Ferratella che vedono nel mercato un servizio utile da avere nel quadrante, seppur in un’altra sede più decorosa rispetto alla precedente. De Novellis, durante l’incontro avvenuto in Aula consiliare, ha spiegato che il mercato, posto su via Quasimodo, ostruiva “una scuola materna e un condominio. La Polizia ci ha chiesto di non indugiare sullo spostamento per via del cantiere aperto e per lo stato di degrado presente sull’area”. Per questo è stata scelta tale strada: “L’alternativa – ha dichiarato De Novellis – sarebbe stata chiudere il mercato e mandare a casa gli operatori”. Una soluzione, ovviamente, non considerabile.

GLI OPPOSITORI – Tra i più forti oppositori di questo spostamento gli abitanti del Laurentino sicuramente si trovano in prima linea. I motivi sono stati esplicitati dal Consiglio di Quartiere Laurentino-Fonte Ostiense durante l’incontro municipale e, in particolare, è stato ribadito che una soluzione alternativa ci sarebbe: “Dobbiamo guardare al futuro, non al passato. Noi volevamo che fosse realizzata un’area attrezzata limitrofa a via Bellonci, nel quartiere Ferratella, che si creasse un mercato definitivo con servizi e condizioni migliori per operatori e cittadini, in modo da poter dare un servizio effettivo al quartiere”. Un’area di cui aveva parlato anche l’ex Consigliere municipale Pd Andrea Santoro, che ha raccontato di aver “tentato di trovare un accordo su via Bellonci, anche con l’operatore che sta costruendo in via Quasimodo perché potrebbe essere motivo di riqualificazione di tutta l’area, pensando a una soluzione definitiva che guardi al futuro”. Proposta, questa, disattesa. Eppure anche parte dei cittadini di Ferratella vorrebbe nuovamente il mercato nel quartiere, ovviamente non nella sede da cui è stato rimosso. “La maggior parte degli abitanti del quadrante – ha dichiarato Massimo Garzia, Presidente del CdQ Ferratella, durante l’incontro in Municipio – desidera il mercato di prossimità. Abbiamo anche organizzato una raccolta firme e i numeri sono stati importanti. Le persone desiderano avere questo servizio per vari motivi, in primis la comodità, soprattutto per gli anziani, di fare la spesa nei pressi di casa, acquistando prodotti genuini, a km0 a basso costo. Questo, per chi vive di pensione, come molti nel quartiere, è un aspetto importante. Inoltre è anche un punto di aggregazione”. Nello stesso tempo, però, il mercato di via Quasimodo è stato considerato come qualcosa che “ha cancellato la parola decoro dal quartiere, posizionato in un modo assurdo e divenuto una latrina a cielo aperto – ha continuato Garzia – Noi possiamo accettare, quindi, lo spostamento temporaneo, sia per l’emergenza, sia perché vogliamo scrivere la parola fine su questo scempio che si trascina, ormai, da troppi anni. Però chiediamo che si inizi a lavorare da subito per individuare una zona dove posizionare in modo definitivo il mercato, strutturata in modo di avere pulizia e decoro, per restituire un servizio importante al nostro quartiere”. In ogni caso lo spostamento oramai è stato effettuato e, anche se gli oppositori sono molti, non tutti hanno trovato nella scelta di via Sapori una soluzione negativa. Solo il tempo dirà alla cittadinanza se ciò che è stato fatto è giusto o sbagliato, ma intanto, la cosa forse più importante, è disattendere ciò che tutti credono, ovvero che la nuova collocazione, a detta delle istituzioni temporanea, non diventi permanente.

Serena Savelli

Tratto da Urlo n.145 aprile 2017