Home Municipi Municipio IX

Stadio della Roma: arriva l’impegno del Governo sul Ponte di Traiano

La Conferenza di Servizi è stata aggiornata mentre arriva l'impegno dei ministri al finanziamento del collegamento

SHARE
STADIO ROMA 141

TOR DI VALLE – La Conferenza di Servizi per la realizzazione del Nuovo Stadio della Roma riprenderà nei prossimi giorni. La seduta di venerdì scorso è stata aggiornata dopo la consegna di tutti i pareri degli Enti coinvolti e il dibattito serrato sulle problematiche relative alla mobilità. Durante la riunione è arrivato anche l’impegno del Governo al finanziamento del famoso Ponte Traiano. È stata infatti una telefonata del Ministro Luca Lotti, in accordo con il Ministro Graziano Delrio, a riportare nel dibattito il ponte sul Tevere di collegamento con la Roma Fiumicino.

IL PONTE TRAIANO – L’opera era stata stralciata dal progetto a seguito della revisione approntata dalla giunta grillina. Il taglio delle cubature ha infatti portato alla diminuzione delle opere pubbliche che i privati avrebbero dovuto realizzare. Il costo dell’opera, a questo punto a carico del Governo, è di circa 100 milioni di euro. L’attesa ora è per una presa di posizione formale, un atto che definisca l’opera di pubblico interesse e sancisca l’intervento sostegno di una iniziativa privata. Il rischio, paventato già da alcuni quotidiani nella giornata di ieri, è che il finanziamento del Ponte di Traiano possa far naufragare definitivamente gli impegni presi su di un opera attesa da troppo tempo: il Ponte dei Congressi.

IL TRASPORTO PUBBLICO – Sono il Comitato “Difendiamo Tor di Valle dal Cemento” e il Coordinamento Associazioni Lazio Mobilità Alternativa, in una nota relativa alla seduta della Conferenza di Servizi, a riaccendere i riflettori sul tema del trasporto pubblico: “Tutti hanno potuto verificare e hanno ammesso l’impossibilità di rispettare il criterio del 50% e 50% di spettatori e utenti che accederanno all’area con il trasporto pubblico e il trasporto privato, ma si va avanti lo stesso, come se questa prescrizione, indicata nella delibera sul pubblico interesse approvata dall’Assemblea Capitolina, non esistesse”. Tale prescrizione era stata introdotta nella Delibera di Pubblico Interesse dalla Giunta Marino e successivamente mantenuta anche da Virginia Raggi. “Poiché tutti sono consapevoli che la mole di trasporto privato che accederà a quell’area porterà la viabilità del quadrante a una congestione totale – seguitano dai Comitati – sono volate fuori proposte fantasiose ed estemporanee come la trasformazione di una corsia della futura via Ostiense in corsia preferenziale per gli autobus! Proposte mai sentite prima, assenti nel progetto, mai verificate con Anas e Atac, tirate fuori sul momento, così come se stessimo chiacchierando al bar”.

LE PROSSIME RIUNIONI – La Conferenza di Servizi al momento è stata aggiornata e nelle prossime ore verranno annunciate le date dei prossimi incontri che potrebbero svolgersi già in questa settimana. L’interesse ora è tutto nei confronti delle mosse che il Governo metterà in campo, soprattutto perchè, è bene ricordarlo, a finanziare il Ponte di Traiano a servizio dello Stadio e del Business Park saranno tutti i cittadini italiani.

Leonardo Mancini