Home Municipi Municipio IX

Tanti problemi intorno al Pvq Stardust Village

SHARE

I residenti denunciano numerose criticità all’amministrazione, che ha aperto un dialogo. Ancora chiusi parcheggio e giardino di Pianeta Giove

TORRINO-DECIMA – Lo Stardust Village è un cinema multisala che si trova tra i quartieri di Decima e Torrino. In quell’area, fino a pochi anni fa abbandonata al degrado, coesistono diverse strutture ricettive. Oltre al cinema, infatti, c’è un pub ed una pizzeria. All’esterno, un parco giochi per bambini, un laghetto ed un giardino completano l’area, oramai resa fruibile ai cittadini. Gli abitanti delle zone limitrofe lamentano ripetute infrazioni, qualificate come emissioni rumorose che, dallo Stardust e dagli spazi prospicienti, provengono. In altre parole, si parla di schiamazzi notturni, ma anche di parcheggio selvaggio, sui marciapiedi, in divieto di sosta o in doppia fila su via Pianeta Terra e via di Decima.
Per denunciare il reiterarsi di questa situazione, particolarmente critica nel periodo estivo,
il Comitato Residenti Decima-Torrino Nord-zona Pianeti ha inoltrato un esposto, datato luglio 2011, “in seguito al quale il Municipio si è mosso con una buona propensione all’ascolto ed all’azione, con tempi di risposta rapidi e cadenzati” ci scrive, in una lettera, Alberto Paolozzi del Coordinamento Uno, la realtà associativa che, in forma libera e volontaristica, unisce i residenti dell’area.
Ne sono risultati due incontri, tra settembre ed ottobre, durante i quali oltre cinquanta cittadini hanno espresso le loro rimostranze al Presidente del Municipio XII Pasquale Calzetta, intervenuto col Consigliere Pdl Massimo Cimini. All’incontro hanno partecipato anche il responsabile del comando dei Corpo dei Vigili Urbani De Sclavis, il rappresentante dell’Azienda Municipale Ambiente Roma Barbato e l’architetto Manich per la società che gestisce lo Stardust Village. Per inciso, ricordiamo che si tratta di un’area assegnata dal Municipio XII, in ottemperanza alla normativa sui Punti Verde Qualità, con una concessione di trent’anni. La società che ne gestisce l’impianto ha l’obbligo, pertanto, di effettuare una manutenzione completa delle aree adibite a verde, pena il ritiro della concessione.
All’incontro dell’8 ottobre, oltre alle autorità citate, ha preso parte anche il Vicepresidente del Consiglio al Municipio XII Federico Siracusa che, sul recupero dell’area ove sorge lo Stardust, ha condotto diverse battaglie in un recente passato. A lui siamo andati a chiedere se, in effetti, dopo quell’assemblea, fosse mutato qualcosa. “Non ho visto grandi cambiamenti. La cosa grave, secondo me, è che l’area verde sta in condizioni veramente indecenti, il parco giochi, pieno di scritte, non è neppure a norma, per l’assenza del tappeto antitrauma e poi non c’è una pulizia periodica dell’area, come in passato”.
Un quadro degradante, che fotografa solo in parte le denunce degli abitanti di via del Pianeta Terra. Il Comitato di Quartiere Torrino Nord ci fa sapere che sul piatto ci sono numerosi altri problemi. Tra questi va evidenziata la situazione della pulizia delle strade per cui “si ravvisa una parziale manutenzione, visto che ancora oggi si nota la massiccia presenza, sotto i marciapiedi, di foglie e cartacce che ostacolano il deflusso delle acque piovane nelle fogne, con il rischio di allagamenti” ci fa sapere Piero Ragucci, Vicepresidente del Cdq. Poi c’è un problema di sicurezza stradale, come evidenziato dai residenti del Coordinamento Uno e sempre dal Cdq, che ricordano come sia stata “più volte richiesta, anche con una raccolta di 370 firme, l’installazione di semafori a chiamata per tutelare l’attraversamento dei pedoni, specialmente su viale della Grande Muraglia. La segnaletica è precaria. Le strade sono piene di buche”. Ci sono inoltre problemi di illuminazione poiché, come ricorda sempre Ragucci “non si riesce a far riattivare i lampioni sulla strada di via di Decima, attualmente ancora al buio”. Infine rimane irrisolto anche il problema della consegna dell’area verde di via del Pianeta Giove, con relativi parcheggi.
“Lo Stardust Village ha avuto la concessione per realizzare due nuove sale cinematografiche che poi, con una variante, sono diventate tre – ricorda Siracusa – In cambio la società che ha in concessione il Punto Verde Qualità doveva sistemare l’area del giardino e del parcheggio di via del Pianeta Giove. Nella determinazione con cui sono state approvate queste cose, nel 2003, c’era scritto esplicitamente che i lavori delle sale sarebbero dovuti iniziare dopo la bonifica ed il completamento dell’area per i bimbi”. Ma questo, come ci segnala anche il Cdq Torrino Nord, non è avvenuto.
“Su via del Pianeta Giove abbiamo un problema con i pozzi, per l’innaffiamento di quelle aree. L’acqua esce gialla, perché c’è un terreno argilloso e la stessa situazione si presenta con il laghetto dello Stardust – spiega il Presidente Calzetta – Stiamo lavorando col dipartimento per risolvere il problema o attraverso una bonifica delle falde, con dei filtri e delle pompe, o attraverso il posizionamento di alcune fontanelle con serbatoio, per poter cercare l’acqua per fare l’irrigazione. Per il resto, compreso il parcheggio, l’area è pronta. Non l’abbiamo ancora consegnata anche perché, se avessimo montato il prato in estate, con il caldo che c’è, si sarebbe bruciato tutto, con una evidente perdita di soldi per l’amministrazione e per i cittadini”.
In definitiva, ci sono alcuni problemi relativi al Punto Verde Qualità Stardust Village già in funzione, come quelli relativi a parcheggi, manutenzione e schiamazzi notturni. Ed altri, come l’illuminazione carente, la sicurezza stradale, la gestione dei rifiuti, la cementificazione crescente, i miasmi che si avvertono d’estate, che, pur non essendo riconducibili al Pvq, sono comunque avvertiti come stringenti dagli abitanti che vivono tra Decima e Torrino.
“Da alcune settimane si sta garantendo una maggiore presenza dei vigili urbani e sono già iniziati maggiori controlli, anche rispetto a bar e gelaterie che ci hanno segnalato in zona” precisa il Presidente Calzetta. Che sia l’inizio di un’inversione di tendenza?

Fabio Grilli