Home Municipi Municipio IX

Via Laurentina nel caos nei pressi del G.R.A.

SHARE

La denuncia di Federico Siracusa (Idv): “Problemi irrisolti”.
Riportiamo di seguito le dichiarazioni di Federico Siracusa, capogruppo dell’Italia dei Valori del Municipio XII : “La mancata realizzazione di interventi volti a migliorare la viabilità nel tratto della Via Laurentina  interno al Grande Raccordo Anulare, mediante la realizzazione di un’altra rotatoria o di un sottopasso, sta producendo un fortissimo congestionamento del traffico senza precedenti. La Provincia di Roma ha completato il primo tratto stradale della Via Laurentina, esterno al Grande Raccordo Anulare, di sua competenza, ma il Comune di Roma, al contrario, non ha realizzato alcun intervento nel tratto interno al G.R.A., all’altezza di Via Acqua Acetosa Ostiense e Via di Tor Pagnotta.
La Via Laurentina è scorrevole nel tratto esterno al G.R.A., fino ad un chilometro dal Grande Raccordo Anulare, ma dopo si blocca inesorabilmente nel caos delle auto, creando una fila di almeno un chilometro.
Inoltre –continua Siracusa- il posizionamento di uno spartitraffico lungo la Via Laurentina, all’altezza dell’ingresso del quartiere Fonte Laurentina, adiacente al Grande Raccordo Anulare, sta costringendo i cinquemila residenti a fare un giro di quasi un chilometro in automobile prima di entrare nel proprio quartiere,  congestionando ulteriormente il traffico .
A questo si aggiunge la  mancata apertura di altre strade di collegamento tra il quartiere Fonte Laurentina ed i quartieri limitrofi, che ha imprigionato i residenti, che sono ora intrappolati nel loro quartiere, avendo una sola via d’uscita in direzione Roma, prosegue il Vice Presidente del Consiglio del Municipio XII Federico Siracusa.
Il lassismo del Comune di Roma, che non ha provveduto ad aprire il collegamento stradale tra Fonte Laurentina ed i quartieri Casal Fattoria, Castel di Leva e Tor Pagnotta 2, tramite l’apertura di Via Giovanni Lampariello, situata all’altezza di Via Pia Nalli, e che avrebbe potuto costituire l’unica altra via di uscita dal quartiere di Fonte Laurentina su Via di Castel di Leva, è inaccettabile.
Inoltre, la presenza dello spartitraffico all’altezza di Fonte Laurentina costringe migliaia di persone a percorrere il Grande Raccordo Anulare per poter cambiare il senso di marcia in direzione Trigoria e raggiungere le scuole dei quartieri contigui, il proprio posto di lavoro o l’adiacente campus biomedico.
Siamo in attesa –conclude Siracusa- di una risposta immediata, e non è accettabile trincerarsi dietro un vergognoso scaricabarile”.

Pasquale Calzetta, Presidente del Municipio XII dichiara: “Da domani mattina nel tratto di Fonte Laurentina sarà presente, nelle ore di punta, il personale della Polizia Municipale del XII Gruppo per consentire ai residenti l’immissione su Via Laurentina in direzione Trigoria. Con questo provvedimento contiamo di ridurre i disagi per la cittadinanza nelle more della realizzazione del collegamento tra Fonte Laurentina e Via Castel di Leva e a tal fine ho  fissato per domani un incontro tecnico per definirne le modalità attuative. È chiaro – continua Calzetta – che ci sono disagi per i residenti di Fonte Laurentina, ma voglio rassicurare circa l’impegno e la determinazione con cui l’Amministrazione Municipale, da me presieduta, si sta adoperando per adottare le migliori soluzioni possibili nell’interesse della cittadinanza. È altresì evidente – conclude il Presidente  – come una maggiore cautela e una fattiva collaborazione istituzionale avrebbe evitato tutti questi disagi”.

Conclude il Presidente del Consiglio del Municipio XII Marco Cacciotti, dichiarando: “I disagi che oggi hanno interessato la Laurentina potevano essere evitati con un po’ di buon senso. La Provincia di Roma ha voluto chiudere a tutti i costi il tratto di Fonte Laurentina, consapevole delle conseguenze che questa scelta avrebbe determinato per la cittadinanza. Ed allora se vi era questa consapevolezza da parte degli Amministratori della  Provincia perché tanta ingiustificata determinazione nell’adottare un provvedimento che penalizza la viabilità visto che tra l’altro  i lavori sulla Laurentina non sono affatto conclusi e la strada è ancora interessata dalla presenza di numerosi cantieri?. Ci saremmo aspettati dalla Provincia un atteggiamento di collaborazione Istituzionale nell’interesse della cittadinanza, ma evidentemente non siamo tutti della stessa opinione”.
Marzia Lazzerini