Home Municipi Municipio VIII

Centrale Elettrica di Tormarancia: i cittadini scrivono al Sindaco

SHARE

Pubblichiamo la lettera aperta al Sindaco di Roma Gianni Alemanno, scritta da un gruppo di cittadini che mettono in evidenza le loro gravi preoccupazioni sui problemi di degrado ambientale e di possibile pericolo per la salute causati dalla Centrale Elettrica Acea, costruita di fronte alle abitazioni di Via Zaniberti, Piazza Lante e Viale Sartorio.

Egregio Sig. Sindaco,

desidero farLe presente che non c’è stata ancora una Sua risposta alle seguenti istanze, presentate dai cittadini e dai loro rappresentanti, riguardanti un importante problema di degrado ambientale e di tutela della salute :

1 ° )  PIÙ UN ANNO FA  e più precisamente   Il 27 aprile del 2009 è stata inviata  a Lei una lettera (raccomandata a.r. ) firmata da oltre 300 cittadini abitanti in Piazza Lante , in Via Zaniberti  e Viale Sartorio in cui si chiedeva lo spostamento o l’interramento della centrale  elettrica Acea  ubicata in Via Zaniberti,  che oltre a rappresentare un forte degrado ambientale , perché costruita a ridosso  delle abitazioni e all’entrata del parco di Tormarancia, costituisce anche un serio pericolo per la salute dei cittadini  in quanto genera  inquinamento elettromagnetico che può causare leucemie  e tumori alla tiroide) come afferma la stessa IARC – International Agency for Research on Cancer-  ossia la massima autorità mondiale  nel campo delle ricerche sul cancro.
E purtroppo diversi casi di tali patologie sono stati riscontrati dai medici di base tra gli abitanti  della zona.

a tutt’oggi (04-09-2010) non è pervenuta alcuna  risposta

2 ° ) PIÙ UN ANNO FA  e più precisamente il 5 giugno 2009 il consiglio dell’XI° Municipio ha sottoscritto e approvato all’unanimità la richiesta con carattere di urgenza al Comune di Roma dello spostamento e/o interramento della sottostazione elettrica ACEA di Via Zaniberti con la seguente motivazione: “Considerato che il primo studio che dimostrò scientificamente il legame tra l’elettrosmog e la leucemia è del 1979. Che nel 2001 un ulteriore studio di approfondimento tenuto in Inghilterra ha dimostrato che i campi elettromagnetici aumentano il rischio di cancro e l’influenza nefasta sulla salute dei bambini. L’XI Municipio Esprime la sua preoccupazione in merito a tale argomento e ritiene necessario un intervento urgente per la soluzione del problema”

a tutt’oggi (04/09/2010)  nessuna risposta

3° )   L’8 FEBBRAIO 2010  il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità l’Ordine del giorno n.31 con le seguenti motivazioni : “Considerato che molti studi affermano l’estrema pericolosità dell’elettrosmog per la salute dei cittadini. e che tutti siamo a conoscenza dei rischi cui è esposta la cittadinanza a causa della vicinanza alle abitazioni della  centrale elettrica Acea di Via Zaniberti;

IL CONSIGLIO COMUNALE INVITA IL SINDACO E LA GIUNTA 

Ad attivarsi nei confronti di ACEA per lo spostamento e/o interramento
della centrale in questione avviando tutte le procedure e predisponendo le risorse necessarie

a tutt’oggi (04/09/2010)  nessuna risposta

(A dire il vero una risposta c’è stata :  nel mese di febbraio 2009 l’ACEA ha dato inizio ai  lavori di ampliamento della Centrale in questione )

4° )   IL 20 FEBBRAIO 2010 il Comitato di Quartiere Roma Ardeatino promuove una manifestazione in Via Zaniberti per sollecitare il Sindaco e la Giunta Comunale a deliberare in tempi brevissimi l’interramento e/o lo spostamento della Centrale elettrica di Via Zaniberti.
Sono intervenuti:
ANDREA CATARCI    –   PRESIDENTE XI MUNICIPIO
ON. ANDREA DE PRIAMO – PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE AMBIENTE DEL COMUNE
ON. FABIO RAMPELLI   –  MEMBRO DELLA VII COMMISSIONE – CULTURA, SCIENZA E  
ISTRUZIONE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI
Gli abitanti della zona hanno partecipato numerosi

a tutt’oggi (04/09/2010)  nessuna risposta

5° ) Il 22 aprile 2010 il Comitato di Quartiere Roma Ardeatino chiede al Sindaco di Roma Gianni Alemanno di ricevere una delegazione di cittadini per conoscere le decisioni che il Comune intende prendere per risolvere tale annoso problema.

a tutt’oggi (04/09/2010)  nessuna risposta

Tutto ciò ha creato una grossa sfiducia da parte dei cittadini verso le Istituzioni e i loro Rappresentanti.

Pertanto, Signor Sindaco, La prego di poter prestare un minimo di attenzione a tali problematiche e di poter ricevere una delegazione di cittadini per esporre le Sue decisioni al riguardo.

Distinti saluti 

Sandro Pattumelli
(uno dei promotore di tutte le iniziative riportate nella presente)

{iarelatednews articleid=”2517,2360,2356,2350″}