Home Municipi Municipio VIII

Garbatella: presentata ai cittadini l’Atletico Garbatella

SHARE
atleticogarbatella

Un sogno e una passione arrivata prima in classifica nel Girone E della 3° Categoria

 

IL 18 APRILE – scorso, è stata ufficialmente presentata la squadra di calcio Atletico Garbatella. Una realtà sportiva importante, prima in classifica nel Girone E della Terza Categoria. Un risultato questo, sicuramente da celebrare: “Un altro fiore sbocciato nel Municipio VIII – scrive sul suo profilo Facebook l’Assessore alla Cultura, Claudio Marotta – l’Atletico Garbatella, la squadra dei ragazzi del nostro quartiere. Una realtà calcistica fondata sul sogno, la passione e l’impegno e ispirata alla storia dell’Athletic Bilbao con un vivaio di giovani nati e cresciuti alla Garbatella”.

L’INCONTRO – La dirigenza, i calciatori e lo staff tecnico hanno voluto organizzare questo momento per incontrare il quartiere e presentare il sogno, la passione e l’impegno del progetto. L’incontro con i tifosi, i cittadini del quartiere e molte istituzioni, si è svolto all’interno dell’Urban Center, ora Coworkiing Millepiani, di via Odero alla presenza del Presidente del Municipio VIII, Andrea Catarci, del Vice Presidente della Regione Lazio, Massimiliano Smeriglio e del Consigliere Comunale di Sel, Gianluca Peciola.

IL PREMIO – Assieme al Municipio VIII, l’Atletico garbatella ha istituito il Premio ‘Atletico Garbatella – Sogno Passione Impegno’: “L’intenzione è di premiare un/una giovane che si è distinto per meriti sportivi e per meriti di studio – ci spiega l’Assessore alla Scuola del Municipio VIII, Paola Angelucci – Per La prima edizione è stato scelto il portiere della squadra Pietro Di Zanno che, a soli 22 anni, è laureando nella prossima sessione in ingegneria informatica – seguita Angelucci – Sono stata contenta di premiarlo io stessa come assessore alla scuola e diritto allo studio. È un esempio di come si possa portare avanti allo stesso modo con la stessa passione e impegno, il proprio sogno di realizzare il progetto della vita”.

Leonardo Mancini