Home Municipi Municipio VIII

PARTE LA NUOVA LOTTA CONTRO L’ABUSIVISMO EDILIZIO

SHARE

Si è tenuta oggi la conferenza stampa sulla lotta all’abusivismo edilizio sull’Appia Antica e nel Centro Storico.
Alla presenza di Andrea Catarci, Presidente del Municipio XI, Alberto Attanasio, Vice Presidente, Orlando Corsetti, Presidente del Municipio I, Esterino Montino, Vice Presidente della Regione Lazio e Massimo Miglio, consulente esperto nella lotta all’abusivismo edilizio, si è tenuta questa mattina, presso la Sala Consiliare del Municipio XI, una conferenza stampa sulla lotta all’abusivismo edilizio, in particolare nel territorio dell’Appia Antica e del Centro Storico.

Scopo della mattinata è stato quello di illustrare il già ben noto problema delle speculazioni edilizie in zone di pregio storico-archeologico e paesaggistico quali il Parco dell’Appia Antica, il cui 70% sussiste nel Municipio XI, e il centro storico capitolino, che è di competenza del primo Municipio, e soprattutto rinnovare con nuovi spunti la lotta contro l’abusivismo. Ad oggi questo è possibile in modo più forte grazie alla collaborazione con la Regione Lazio (che con la legge regionale 15/08 ha ottenuto competenze in materia di abusivismo edilizio) e soprattutto con la consulenza dell’esperto Massimo Miglio, che offrirà il suo contributo in modo gratuito e volontario. Quest’ultimo andrà alla direzione della Struttura Operativa per la Repressione dell’Abusivismo Edilizio.
“In un momento in cui sembra profilarsi all’orizzonte l’ennesimo ‘condono fiscale’ e con alle porte l’avvio del piano casa, che permetterà l’incremento delle cubature degli edifici – dichiara Andrea Catarci –, il Municipio XI intende rafforzare la lotta all’abusivismo edilizio, proprio per preservare l’ambiente locale da possibili devastazioni.”
All’interno della struttura amministrativa del Municipio le risorse umane con conoscenze specifiche e professionalità adeguate a garantire la continuità nell’attività di contrasto al fenomeno dell’abusivismo, hanno un carico di lavoro eccessivo e, inoltre, sono quantitativamente insufficienti rispetto alle reali necessità dell’Unità organizzativa. “I nostri tecnici non hanno nemmeno supporto legale e servirebbe un sostegno anche in questo settore – afferma Alberto Attanasio che, parlando dell’Amministrazione Comunale attuale aggiunge – Non c’è stato alcuno spirito di collaborazione, solo un modo di fare inquisitorio”.  “La collaborazione è sicuramente un valore aggiunto per la preservazione e la tutela del territorio e soprattutto dà ulteriore efficacia alla lotta contro l’abusivismo – afferma Massimo Miglio – La struttura regionale ci offre tecnici di alto profilo e anche quella consulenza giuridica di cui abbiamo bisogno. Crediamo di poter fare un buon lavoro”. Esterino Montino fa una distinzione tra l’abusivismo di necessità e quello speculativo, affermando che interventi come l’incremento dell’housing sociale possano apportare una spinta risolutiva. “Siamo alla vigilia della discussione della legge regionale del Piano Casa, grazie al quale daremo una risposta alle necessità, con espansioni che siano al di fuori delle aree vincolate”. Inoltre, parlando nello specifico del Parco dell’Appia Antica ha aggiunto: “A settembre manderemo in aula il Piano Paesaggistico del Parco dell’Appia Antica (che è differente dal Piano Paesaggistico Regionale, n.d.r.) e, tra le novità, ci sarà la traslazione delle attività economiche che sussistono nell’area, e che sono incompatibili con essa, a Castel di Leva,  fuori dai confini del Parco”.
Il problema dell’abusivismo e delle speculazioni è rilevante in tutta Roma, senza esclusione di alcun municipio. Le pratiche, ci illustrano, sono lunghe da analizzare, e spesso rimangono in stallo per anni a causa di ricorsi al TAR, valutazioni in corso e altri cavilli più o meno burocratici. La mancanza di personale non aiuta di certo allo smaltimento dei numerosi casi presenti. Ecco perché tutti i presenti hanno fatto un plauso a Massimo Miglio, sicuri che la sua consulenza possa apportare di certo una nuova verve a questa dura battaglia, e alla Regione Lazio, che avrà il personale e le strutture adatte ad affrontare il problema.

Serena Savelli
Urloweb.com

SHARE