Home Municipi Municipio VIII

Piazza dei navigatori: 2 sottovia per scongiurare il collasso

SHARE

L’Assessore Corsini incontra i cittadini e trova una linea d’intesa per riqualificare l’area. Entro l’estate verrà rivista la convenzione

TOR MARANCIA – Si torna a parlare attivamente dello spinoso problema di Piazza dei Navigatori. In un incontro svoltosi in data 7 marzo 2011, i comitati interessati, Italia Nostra e l’Assessore all’Urbanistica di Roma Capitale Marco Corsini, hanno discusso sul futuro di questa importante piazza che, oltre al valore storico, rappresenta un importante snodo di traffico per l’intera città e, visto lo stato di degrado in cui si trova, è diventata terra fertile per prostituzione e malavita, specialmente nelle ore notturne.

Il Prof.Ing. Pietro Samperi, docente in tecnica urbanistica e Presidente della Commissione Urbanistica di Italia Nostra ci spiega che “il danno ormai è stato fatto con la realizzazione di 150.000 mc. di edilizia privata e ora serve correre ai ripari per evitare che l’area collassi per via delle problematiche di cui non si è tenuto conto in questi anni come il traffico, per citarne una. Ad aprile dello scorso anno, in un’assemblea popolare, abbiamo votato delle direttive che successivamente siamo andati a discutere con il Municipio XI. Da questo incontro – prosegue Samperi – ne è scaturito un documento condiviso che, in 6 punti, riassumeva quella che è la volontà dei cittadini da noi rappresentati e del Municipio che ha inviato queste proposte al Comune. La novità positiva dell’incontro di marzo con l’Assessore è stata che Corsini ha annunciato l’accordo del Comune ad accettare la richiesta di due sottovia veicolari che alleggeriranno la viabilità sulla C.Colombo, già minacciata dal progetto dell’ex Fiera di Roma e dal nuovo centro congressi La Nuvola. Il problema è nato quando, le precedenti amministrazioni, hanno eliminato qualsiasi tipo di intervento, a carico delle imprese costruttrici, volto a migliorare la viabilità. Nella convenzione originaria era previsto addirittura l’interramento di 700 metri di C.Colombo. Ora anche le imprese – conclude Samperi – sembrano essersi convinte a realizzare l’opera. Manca solo da studiare, insieme ai tecnici del Comune, la soluzione migliore per i due sottovia”.
La situazione attuale vede l’area con il cantiere ormai fermo da tempo e con il Comune cha ha bloccato l’agibilità degli edifici già costruiti, due, e la costruzione di un terzo che andrebbe adibito ad albergo. Il tutto mentre si attende una decisione sulle opere di urbanizzazione a scomputo da realizzare. La proposta dei costruttori di limitarsi ad un semplice riassetto della piazza, oltre alla già realizzata costruzione dei parcheggi, non è stata accettata dai cittadini che, come dimostra il documento inviato al Comune, chiedono a gran voce interventi di maggiore entità.
“Le vicende legali che riguardano piazza dei Navigatori sono lunghe, piene di rinvii, decisioni poco chiare e quantomeno discutibili da parte delle amministrazioni nell’assegnazione dell’area che è stata donata ad alcune imprese con l’aumento della superficie edificabile di altri 30.000 mc. solo per paura di una causa -E’ quanto dichiara Giancarlo Falcucci del Comitato Parco Scott- E’ importante ricordare che l’articolo 23 della convenzione prevede, nel caso di inadempienze, come la mancata realizzazione delle opere di urbanizzazione, che venga dichiarata la decadenza e che, quanto realizzato, diventi proprietà del Comune. Non essendoci ad oggi neanche un progetto delle opere di urbanizzazione –conclude Falcucci – ed essendo in forte ritardo la realizzazione, ad esempio, dell’asilo che andava consegnato nel 2007, il Comune, ai sensi dell’articolo 23 della convenzione, potrebbe entrare in possesso degli edifici”.
Dall’Assessorato all’Urbanistica di Roma Capitale fanno sapere che nell’incontro del 7 marzo non sono state prese decisioni,  perché la sede di un incontro pubblico non è una sede decisionale. L’Assessore Corsini ha mostrato ai cittadini il lavoro che si sta portando avanti per la riqualificazione di piazza dei Navigatori. In particolare, l’assessorato ha posto massima attenzione sulla risoluzione dei problemi della mobilità del quadrante e sta lavorando per la realizzazione di un progetto che preveda due sottopassi, all’altezza della piazza e di via di Tor Marancia, che andranno a fluidificare il traffico. Inoltre il riassetto della piazza la porterà ad essere molto più pedonale rispetto alla situazione attuale. Il lavoro da fare è tanto: va affinato il progetto, modificata la convenzione con le imprese e rivisti gli appalti. I tempi non sono brevi ma già aver individuato una soluzione è un punto di partenza. L’Assessore Corsini vorrebbe comunque entro l’estate modificare la convenzione e partire con la fase progettuale.
Interviene sulla questione anche il Presidente del Municipio XI Andrea Catarci, tra i firmatari del documento inviato al Comune con le richieste di intervento sull’area. “Non è possibile che in quella trasformazione urbanistica già così invasiva e devastante per il territorio non si facciano fino in fondo le opere pubbliche previste. C’è un rischio serio per la mobilità, non solo del Municipio XI, ma della città tutta visto che la piazza interessa una delle arterie principali di Roma come la C.Colombo. Dopo un lavoro di concerto con i cittadini abbiamo richiesto con un documento che vengano realizzati i due sottovia e tutte le opere previste nella vecchia convenzione ovvero asilo nido, sistemazione del mercato e riqualificazione del verde pubblico.
Questo perché – prosegue Catarci – lo scorso anno l’Assessore Corsini ci ha convocato in una conferenza di servizi, un atto operativo, in cui ci chiedeva di chiudere i lavori senza queste opere e con una semplice sistemazione in superficie da parte della proprietà Acquamarcia, stravolgendo ulteriormente un progetto che era partito prevedendo l’interramento della C.Colombo per tutta l’area interessata. Noi ci siamo rifiutati di firmare e di far sparire queste opere dalla convenzione e al contrario abbiamo lavorato con i cittadini per trovare una soluzione individuata nei due sottovia”.
I tempi per vedere piazza dei Navigatori completamente riqualificata sembrano lunghi, quello che preoccupa maggiormente però è arrivare ad una decisione definitiva sul tipo di opere da realizzare. Se gli studi dei tecnici dell’Assessorato daranno parere positivo entro quest’anno potremmo avere un progetto definitivo delle opere pubbliche che i cittadini richiedono a gran voce.

Simone Brengola