Home Municipi Municipio VIII

Scuola Municipio VIII: manutenzione e sicurezza, questo l’impegno dell’Assessorato

SHARE
asilonidoarmonia

Oltre 200 interventi nel 2014, ma questo non basta a risolvere tutti i problemi delle scuole del territorio

Tratto da Urlo n.117 luglio 2014

MUNICIPIO VIII – Continua il nostro viaggio nel “pianeta scuola” e questa è la volta del Municipio VIII per il quale incontriamo l’Assessore Paola Angelucci con delega, oltre alla Scuola, anche ai Lavori Pubblici: “In questa consiliatura la scuola ha la priorità assoluta per il Municipio VIII. Sia per la manutenzione scolastica che per quella degli isolati e delle strade adiacenti agli istituti, con la sistemazione dei marciapiedi e della segnaletica orizzontale e verticale”. Un’azione questa che comprende entrambe le deleghe dell’Assessore: “Questo perché la scuola oltre ad essere un luogo di aggregazione è anche prioritario in ogni struttura sociale. Ospitare minori in un ambiente degradato non aiuta l’apprendimento o l’edificazione dei cittadini. Nella scarsità di risorse abbiamo deciso di dare la priorità alla scuola, vogliamo dare ai bambini una accoglienza dignitosa altrimenti sarebbero inutili tutti gli interventi sul bullismo, l’educazione civica o la dispersione scolastica”. Fino ad oggi nel 2014 sono circa 200 gli interventi di piccola e grande entità portati avanti nel territorio municipale, per la maggior parte attraverso la manutenzione ordinaria. Si parla di impermeabilizzazioni, messe in sicurezza, pavimentazioni e rifacimenti di parquet, rimozione di barriere architettoniche e tanto altro ancora. Ma i maggiori problemi riguardano le scuole prefabbricate come la Vivaldi, la Dalla Chiesa o la Moscati. Lì la manutenzione è più difficile rispetto ad edifici storici come la Cesare Battisti o l’Alessandro Severo, soprattutto per i tetti e la manutenzione degli infissi: “Allarmare e riparare le serrande obsolete è molto costoso, spesso siamo costretti a bloccarle in assenza di pezzi di ricambio”. Dall’Assessorato si cerca di far fronte al problema con un bando regionale: “Abbiamo selezionato otto scuole per la sostituzione degli infissi, ma l’anno è iniziato e stiamo ancora aspettando i risultati”. Altra riqualificazione quasi completata attraverso un bando riguarda la Malaspina in via Antonino Pio, con la messa in sicurezza dell’impianto anti incendio, delle ringhiere e il rifacimento della pavimentazione della palestra. Molto interessante anche il protocollo redatto dal Municipio per permettere ai genitori volenterosi di contribuire direttamente ai piccoli lavori di manutenzione, iniziativa che l’Assessore spera di portare avanti anche in questo nuovo anno scolastico.
Due scuole in particolare sono l’emblema delle difficoltà sul tema delle infrastrutture. La prima è la struttura di via Odescalchi, abbattuta anni fa e mai ricostruita. Per questa scuola i fondi regionali dopo essere stati annunciati sembravano essere spariti: “C’è un grosso problema con le liste d’attesa, che può essere mitigato con l’apertura di altre strutture – ci riferisce Floriana D’Elia, Consigliera Pd e Presidente dalla Commissione Scuola in Municipio VIII – In continuità con il lavoro dell’Assessorato la commissione vigilerà sull’iter per lo stanziamento definitivo di questi fondi”. Un lavoro questo che, come ci spiega l’Assessora Angelucci, è costante e riguarda i fondi del Contratto di Quartiere Tor Marancia all’interno del quale sarebbe inserito anche il Mappamondo. La seconda struttura è il Nido Armonia a Roma 70, chiuso da anni e in attesa di una riqualificazione: “Sono circa 300 i bambini ancora in lista d’attesa per i nidi – ci spiega la Consigliera M5S, Valentina Vivarelli – Considerando che il nido di Roma 70 non è in funzione è necessario che Roma Capitale reperisca i fondi per riqualificarlo. Non risolverà la situazione delle liste d’attesa, ma sicuramente alleggerirebbe il problema”. Su questa vicenda anche il Consigliere Pd, Umberto Sposato si è più volte speso sollecitando lo stanziamento di fondi: “Anche ultimamente ho rappresentato l’urgenza dei cittadini di Roma 70 per la riapertura, non si può più rinviare”. Fortunatamente come riferitoci anche da Sposato su questa vicenda potrebbero esserci delle notizie positive: “Abbiamo portato avanti un lavoro importante con la Regione Lazio sul reperimento dei fondi per la riqualificazione di questa struttura che sembrava persa – ci spiega l’Assessora Angelucci – Finalmente la gara è stata espletata ed entro dicembre dovrebbe partire la ristrutturazione con circa 300mila euro”. L’ultimazione dei lavori sarebbe prevista per fine marzo 2015 e dovrebbe portare al Municipio circa 60 nuovi posti. Sono tante difficoltà con cui ci si dovrà ancora rapportare, ma l’Assessorato spera di risolverne alcune attraverso l’assestamento di bilancio della Capitale: “Ci sono alcuni servizi essenziali come l’acquisto di kit per celiaci negli asili nido, di prodotti parafarmaceutici e di quelli per la pulizia e l’igienizzazione delle cucine – aggiunge Angelucci – Mancano anche i fondi per le disinfestazione, le derattizzazioni e anche per l’assistenza agli alunni disabili”. La speranza dell’Assessore per il Capogruppo di Fi, Simone Foglio, sembra essere vana: “Purtroppo non credo che la capacità Amministrativa del Sindaco e della sua Giunta potrà portare ad un assestamento di bilancio tale da permettere di risolvere tutti questi problemi. Quello che più dispiace – seguita – è che a farne le spese saranno i bambini accolti in scuole non adeguate e le famiglie costrette a pagare le salatissime rette di asili privati, in attesa che l’immobilismo del centrosinistra termini e si restituiscano al territorio i tanti spazi in attesa di riqualificazione”. Altro tema di particolare importanza riguarda il personale all’interno delle scuole, con una carenza d’organico cronica e i lunghi tempi d’attesa per le assunzioni provenienti dal concorso: “La situazione era critica già da luglio – sottolinea la Consigliera Vivarelli – gli incarichi non sono ancora ben definiti e adesso si inizia ad avere una situazione di emergenza soprattutto nei nidi. Con le malattie delle insegnanti abbiamo avuto molti problemi sulle supplenze”. Proprio in questi giorni la Commissione Scuola sta portando avanti una ricognizione degli istituti per prendere nota di tutti gli interventi necessari o ancora non completati, e delle difficoltà del personale scolastico: “La copertura delle supplenze è strettamente legata alla didattica – spiega la Consigliera D’Elia – dal Municipio ci fanno sapere che ci sono moltissime supplenze inferiori ai cinque mesi, mentre bisogna assicurare una continuità didattica che deve essere garantita in tutte le scuole. Inoltre – aggiunge – stiamo lavorando in modo incisivo sulla qualità del personale, cercando di investire sulla formazione”. In continuità con questa impostazione è anche l’impegno assunto dalla Commissione Scuola Capitolina e dalla sua Presidente, la Consigliera Pd Valeria Baglio: “Proprio mentre l’anno che si apre vede finalmente al centro del dibattito pubblico la scuola, il ruolo degli insegnanti, la loro valorizzazione e il contributo che la scuola stessa può dare al rilancio del Paese, la Commissione Scuola dell’Assemblea Capitolina, che presiedo, è pronta a far ripartire il lavoro istituzionale iniziato l’anno scorso: abbiamo il compito di puntare a un rapporto di tanto ascolto e collaborazione con le Scuole della nostra Città, sui temi dell’inclusione, dell’edilizia, del rapporto tra scuola, lavoro e cultura”. Molti ancora gli interventi da mettere in campo, come la copertura dell’Asilo Acquerello, colpito dalle forti piogge di novembre, oppure la sistemazione dei padiglioni della Principe di Piemonte e il completamento della ‘scuoletta’ in via Leonardo Da Vinci. “Tutti interventi per i quali stiamo cercando di reperire fondi – conclude Angelucci – sempre guardando alla sicurezza delle strutture e alla qualità dei servizi che offriamo a bambini del territorio”.

Leonardo Mancini