Home Municipi Municipio XI

Magliana: è partita la sperimentazione sul Viadotto

Con l'intervento che durerà 60 giorni si spera di rendere più fluido l'ingresso da via della Magliana

SHARE

MAGLIANA – È partita la sperimentazione utile a fluidificare il traffico in ingresso sul Viadotto da via della Magliana. Il 7 giugno scorso sono stati posizionate le barriere provvisorio che costituiscono il restringimento della strada in ingresso a Roma. L’avanzamento di questo iter progettuale era già stato annunciato nelle scorse settimane dall’assessore del Municipio XI Stefano Lucidi. Un progetto questo che ha subito un lunghissimo iter fatto di studi e autorizzazioni alla sperimentazione che hanno fatto slittare in più occasioni la partenza.

IL RESTRINGIMENTO – L’idea alla base di questa misura è quella di replicare quanto già fatto in passato sul senso di marcia opposto del Viadotto, all’altezza dell’Hotel Sheraton. Il restringimento riguarda una sola carreggiata in prossimità dello svincolo in entrata da via della Magliana, con la speranza che si fluidifichino i flussi in ingresso.

LA SPERIMENTAZIONE – La sperimentazione durerà 60 giorni (invece dei già preventivati 30) e verrà integrata con l’apposizione di quattro telecamere per il controllo del traffico. Grazie al collegamento con la Sala di Controllo della Polizia Locale, queste potranno anche essere utilizzate per sanzionare il mancato rispetto del Codice della Strada nel tratto del Viadotto soggetto alla sperimentazione. La raccolta vera e propria dei dati sui flussi di traffico partirà ufficialmente il 9 giugno prossimo. Al termine dei 60 giorni di sperimentazione, se gli esiti saranno positivi, verranno rimosse le barriere e verrà creata una corsia ‘neutra’ attraverso la segnaletica orizzontale. In caso contrario, dopo la rimozione delle barriere si tornerà alla viabilità ordinaria fin qui conosciuta dai tanti automobilisti che frequentano quest’arteria.

DAL MUNICIPIO XI – Questa misura nell’ultimo anno e mezzo è stata richiesta a gran voce dal m5s del Municipio XI sul quale questo tratto di strada, pur essendo di competenza di Roma Capitale, insiste. “Già dalle prime ore dopo che sono state posizionate le barriere ci sembra di rilevare un miglioramento nei flussi di traffico. Sia l’entrata da via della Magliana che il traffico proveniente dalla Roma-Fiumicino, sembrano essere più scorrevoli – ha commentato il consigliere del M5s Marco Zuccalà – Sono molto contento e sono convinto che la sperimentazione andrà a buon fine. Nonostante i paletti posti durante l’iter di approvazione da parte di Anas siamo riusciti comunque ad arrivare alla sperimentazione”. Il consigliere penta stellato ha risposto anche alle critiche sulle lentezze e sull’utilità di questa misura avanzate da parte delle opposizioni negli ultimi mesi: “è passato un anno e mezzo, ma finalmente stiamo dando delle risposte alla cittadinanza ha detto Zuccalà – L’iter è stato lungo perchè ha coinvolto le istituzioni e una grande azienda partecipata come l’Anas. Inoltre voglio ricordare che se questa sperimentazione andrà a buon fine avremo, con un solo intervento a costo bassissimo, realizzato anche un tratto di corsia d’emergenza per rendere più facile il passaggio dei mezzi di soccorso”.

Leonardo Mancini