Home Municipi Municipio XI

Municipio XI: l’ufficio anagrafico è chiuso, ma i cittadini in fila non lo sanno

Ci sarebbero dei problemi tecnici alla base della chiusura, che in ogni caso non era stata comunicata

SHARE

MUNICIPIO XI – Sono i consiglieri locali del Pd a riportare la notizia dei disservizi occorsi quest’oggi presso l’ufficio anagrafico del Municipio XI in via Mazzacurati a Corviale. “Questa mattina circa 20 persone, che erano in fila dalle 6 fuori all’ufficio anagrafico, non hanno potuto rinnovare la propria carta d’identità – raccontano in una nota congiunta i consiglieri democratici Maurizio Veloccia, Gianluca Lanzi, Giulia Fainella, Angelo Vastola e Claudio Barocci – La chiusura dell’ufficio è stata appresa poco prima dell’apertura quando un dipendente ha indicato ai presenti un cartello appeso fuori la porta praticamente invisibile, perché circondato da decine di altri cartelli e avvisi. Molti hanno protestato, inveendo contro il dipendente che ovviamente non aveva alcuna responsabilità”.

LA CHIUSURA DELL’UFFICIO – Nessuna informazione riguardo la chiusura, probabilmente non improvvisa, era stata annunciata sul sito del Municipio XI: “Alla faccia dell’amministrazione trasparente e alla ‘portata dei cittadini’ sul sito di Roma Capitale non è presente alcuna informazione sulla chiusura dell’ufficio e ancora adesso i cittadini raggiungono Corviale per richiedere certificati – seguitano dal Pd locale – Esprimiamo solidarietà nei confronti dei cittadini, alcuni dei quali avevano preso dei permessi dal lavoro per potersi recare all’ufficio, che non hanno potuto richiedere carte d’identità e certificati, ma anche nei confronti dei dipendenti che, questa gestione disastrosa dei servizi anagrafici, espone a ulteriori difficoltà”.

IL FUNZIOANMENTO DEGLI ANAGRAFICI – Le richieste dei consiglieri dem in Municipio XI non differiscono di molto da quelle già avanzate nei mesi scorsi difronte alle difficoltà riscontrate sui lunghi tempi d’attesa negli uffici anagrafici municipali: “Chiediamo alla Giunta Torelli del M5s, impreparata anche su questo, che al più presto siano riviste le attuali modalità di funzionamento degli uffici anagrafici – concludono – Questi disservizi non devono più ripetersi”.

LeMa