Home Municipi Municipio XI

Olimpiadi: per Corviale una candidatura di serie A

SHARE
corviale

Il presidente del Municipio XV, Gianni Paris, si esprime in merito all’inserimento del Quadrante Corviale nel Dossier olimpico per Roma 2020

“La candidatura di Corviale costituisce legittimazione per un quartiere che passa dal pregiudizio di luogo malfamato a risorsa per il Paese e luogo dalle molte potenzialità. Su questa evoluzione il nostro Municipio ha lavorato molto in questi anni trasferendo o favorendo proprio lì funzioni e attività di pregio: il Consiglio Municipale, la Biblioteca e il Centro polivalente , lo spazio espositivo del Mitreo o strutture sportive.

Ad oggi, c’è già un patrimonio di strutture e servizi esistenti: l’impianto per il rugby, la palestra e la piscina comunale. C’è però una serie di opere in attesa anche per l’inerzia delle strutture di Roma Capitale, come il Palasport Corviale dove il cantiere è aperto ma bloccato da mesi. Occorrerebbe invece capire cosa si intende investire di nuovo su questo territorio per non ridurre l’ importante occasione in una candidatura di serie B. Per una candidatura credibile e di serie A bisogna investire per nuove infrastutture e servizi.

Bisogna considerare che la proposta di ospitare le attività olimpiche è frutto anche della forte volontà manifestata dal territorio. A questo punto, l’Amministrazione di Roma Capitale, il Comitato Olimpico e il Municipio devono fermarsi a studiare nuove proposte, mantenendo all’interno del processo tutte quelle energie territoriali che hanno lavorato in questo senso. Le associazioni, i comitati e i cittadini , non possono svolgere solo una funzione di stimolo o denuncia ma devono poter partecipare con un ruolo attivo nella formulazione dei progetti.”

Gianni Paris, primo firmatario della mozione del con cui il Municipio chiedeva l’inserimento del Quadrante nelle aree destinate a sostenere la candidatura di Roma per le Olimpiadi 2020 sottolinea che : ” Per quartieri come Corviale occorre demolire i preconcetti e costruire un’identità positiva. Quindi va colta ogni occasione e utilizzato ogni strumento. Nel quadro complessivo della Capitale, un Municipio deve rappresentare non solo uno snodo amministrativo ma un luogo identitario per il suo territorio. Personalmente pongo particolare attenzione a ogni quartiere del vasto e articolato Municipio Arvalia-Portuense e intervengo, spesso senza mezzi finanziari, come è possibile e dove occorre maggiormente.” E’ quanto dicharato dal presidente Gianni Paris.