Home Notizie Cronaca Roma

Randagismo: le norme per arginare il fenomeno

SHARE
cane12

Con riferimento al controllo degli animali, randagismo e abbandoni sono i problemi principali che colpiscono i nostri quartieri. Diversi motivi e diverse situazioni, ma i protagonisti di questa realtà sono sempre loro: i cani.
Ma ora alla luce delle nuove norme sembrerebbero esserci delle soluzioni valide per arginare il fenomeno.

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, infatti, a settembre, è entrata in vigore la norma antirandagismo dell’ordinanza ministeriale firmata a luglio dal sottosegretario alla salute Francesca Martini sulla “tutela e benessere degli animali di affezione”. Preceduta a marzo con un’ordinanza concernente la tutela dell’incolumità pubblica dall’aggressione dei cani, che stabiliva regole sulla educazione e sull’addestramento del cane, la normativa approvata a settembre, stabilisce una maggiore responsabilità da parte dei comuni. Questi dovranno provvedere ad individuare strutture idonee e a attuare i livelli essenziali per la tutela e il benessere dell’animale, come la microchippatura e la sterilizzazione. Inoltre la normativa stabilisce che le strutture individuate per il mantenimento dei cani non deve avere una capacità superiore o superare le duecento unità di animali. “Esprimiamo grande soddisfazione per il nuovo provvedimento del Ministro Martini” commenta la Responsabile Nazionale dello Sportello Tutela Animali del CODICI, Dott.sa Valentina Coppola. “È indispensabile offrire la possibilità agli animali di esser protetti in strutture adeguate. La loro tutela ed il loro benessere sono finalmente al centro dell’attenzione. Un’attenzione più volte venuta a mancare a causa degli abbandoni e della cattiva gestione dei canili. Sono ancora troppi i comuni che sono sprovvisti di strutture adeguate ed occorre che ci si attivi. Sarà responsabilità dei sindaci controllare lo stato degli animali e far sì che questo provvedimento sia messo in pratica. Continueremo a vigilare e a segnalare agli organi competenti ogni inadempienza”.

 

Marzia Lazzerini

Urloweb.com