Home Rubriche City Tips

I mille volti dell’ansia

SHARE

L’ansia, così come lo stress, è un meccanismo fisiologico messo in atto dal nostro corpo in risposta a specifici stimoli ambientali. Ansia e stress sono dunque normali se correlati a degli stimoli ambientali determinati e se si presentano con una intensità ed una durata congrua con la tipologia di fattore determinante.

Bisogna sapere però che l’ansia può diventare patologica, fino a configurare anche un disturbo d’ansia generalizzato. La pratica clinica ha mostrato che la psicoterapia per curare l’ansia funziona, per questo prima di arrivare all’assunzione dei farmaci sarebbe bene rivolgersi ad un professionista per godere di una terapia non farmacologica.

Sono diversi i disturbi – sia nella sfera della sintomatologia cognitiva che somatica – che coloro che soffrono di ansia possono manifestare. La sintomatologia dell’ansia è molto vasta e di frequente il paziente si presenta con sintomatologia gastrointestinale, mani sudate, palpitazioni, tremori, alterazioni del sonno ed alterazioni alimentari.

Le alterazioni del comportamento alimentare possono virare sia verso un aumento dell’appetito, sia verso una riduzione dell’introito calorico giornaliero. Questo ha delle ripercussioni sul peso corporeo ed ovviamente sul benessere psicofisico generale.

La varietà di presentazione clinica può portare talvolta a non giungere alla diagnosi corretta e a non attribuire la sintomatologia ad un disturbo d’ansia. Ecco allora che i sintomi sono ritenuti causati da patologie organiche, con richiesta di esami di accertamento diagnostico, che danno però esito negativo.

L’ansia patologica è una condizione che deve essere trattata. Nei casi meno gravi chi soffre di ansia può mantenere un buon funzionamento sociale e lavorativo, continuando a condurre la vita di sempre, seppur con delle difficoltà. Ci sono però anche casi in cui l’ansia inizia a dominare la vita del paziente e può essere correlata a diversi ambiti della stessa.

Il classico esempio è quello del disturbo d’ansia generalizzato: chi soffre di questo disturbo ha la cosiddetta ansia libera – ovvero non correlata a stimoli ambientali specifici – in diversi settori, nello specifico relativamente all’ambito lavorativo, della salute e delle finanze. Il paziente inoltre avverte come sintomo caratteristico una tensione muscolare, avvertita soprattutto a livello del collo e delle spalle.

Curare l’ansia con la psicoterapia è possibile, ma bisogna rivolgersi a dei professionisti del settore. Attraverso il counseling psicologico il paziente potrà ottenere un evidente miglioramento della qualità della sua vita ed una riduzione dell’ansia e della sintomatologia ad essa correlata, senza dover iniziare una terapia farmacologica.

Lo psicologo Fabio Meloni è uno dei maggiori esperti del settore e lavora da anni per trattare i disturbi ansiosi dei suoi pazienti. Ha maturato l’esperienza necessaria per saper riconoscere la problematica del paziente che si trova di fronte e per saperlo indirizzare sulla giusta strada verso la cura della sua patologia.

Lo psicoterapeuta Meloni offre a tutti i suoi pazienti un attento counseling psicologico, nel corso del quale ci si focalizzerà sui possibili fattori scatenanti il disturbo e su come procedere per risolvere la problematica di fondo. L’obiettivo non è solo ridurre o eliminare la sintomatologia ansia-correlata, ma anche evitare che l’ansia possa dare ancora disturbo a chi si affida alla psicoterapia.


Warning: A non-numeric value encountered in /home/www/urloweb.com/wp-content/themes/Newsmag/includes/wp_booster/td_block.php on line 353