Home Rubriche City Tips

Shopping online: una droga?

SHARE

L’acquisto tramite Web è un lusso che oggi si concede la maggior parte di noi consumatori, sarà perché l’Italia è uno dei paesi in cui comprare online è più conveniente.

È quanto emerge dallo studio ‘International online pricing report’, realizzato per la piattaforma di e-commerce Kelkoo da Shape the Future.

 

Chi si concede all’acquisto online nel nostro paese, risparmia fino al 17,3% rispetto alla media dei 10 maggiori paesi europei. Un dato fortemente positivo se pensiamo che oggi l’acquisto nel Web è per molti l’unico modo per potersi concedere qualcosa in più oltre il necessario.

Dedicarsi agli acquisti online è diventato oramai cosa comune, posso comprare un regalo mentre sono alla fermata della metro, prenotare un viaggio stando comodamente a casa.. non c’è proprio limite all’acquistare!

I prodotti sul Web, diciamocelo, hanno prezzi più accessibili, senza contare poi che per molti servizi la Rete ha portato un valore aggiunto, una marcia in più, ma soprattutto una maggiore accessibilità. In Rete possiamo trovare soluzioni in Hotel a prezzi stracciati, cene Chic a costi contenuti, soggiorni in lussuose Spa che neanche avresti mai immaginato,

oppure vacanze in paesi esotici al 60% di sconto.

A volte diventa quasi una mania, che ci spinge a comprare prodotti dai prezzi irresistibili anche se non ne abbiamo realmente bisogno. Questo stato crea in noi una sorta di ‘dipendenza’ all’acquisto che nei casi più seri potrebbe anche portare alla famosa sindrome da ‘shopping compulsivo’.

Questo bisogno spasmodico di comprare a cosa è dovuto? In molti casi al prezzo!

I prodotti, aumentando in quantità, diminuiscono nel prezzo e questi costi sempre più contenuti portano noi consumatori a ‘cedere’ a fronte di acquisti che riteniamo vantaggiosi, ma che, il più delle volte, risultano essere solo che superflui. La tendenza degli ultimi anni tra giovani, meno giovani, appassionati di oggetti dal gusto vintage, è quella di cercare, scovare, riuscire ad aggiudicarsi a tutti i costi quel pezzo raro o troppo costoso nella realtà vicina a noi per poterlo acquistare. Andare alla ricerca di cose strane, difficili da trovare, provenienti magari dall’altra parte del mondo, ma soprattutto oggetti che siano economici.

In passato si andava per le vetrine del Centro della città, oggi il più delle volte ci concediamo il nostro ‘giretto virtuale’ con il nostro Pc o il nostro Iphone , tramite i quali accedere alla Rete e semplicissimo e con la stessa facilità in dieci minuti possiamo prenotare una vacanza, una visita specialistica, una cena.. Insomma possiamo fare quasi tutto!

I vecchi ‘spacci’, quei negozi dove trovare borse, scarpe, capi di abbigliamento a prezzi stracciati magari della precedente stagione, oggi iniziano a essere una rarità, resistono bene i centri commerciali, anche se negli ultimi tempi per molti la crisi è stata dura. Non c’è dubbio, oggi i consumatori preferiscono di gran lunga gli outlet on-line, sicuri, affidabili, con prodotti di qualità garantiti (anche se non sempre).

I Brand più commerciali, le marche ‘storiche’, il Web offre anche questo, con la differenza però che i prodotti arrivano in alcuni casi anche a sconti del 70%. Magari si, acquistiamo una polo o t-shirt della passata stagione, ma almeno siamo sicuri che abbiamo acquistato un prodotto di qualità con la soddisfazione di non avere speso cifre da capogiro!

Molti soggetti sono frenati per via dell’affidabilità dei metodi di pagamento. Diciamo che oggi aggirare il problema è semplice, basta affidarsi a rivenditori ‘consolidati’ e sicuri, senza fare nomi, pensate a quelli più famosi e blasonati.

La particolarità del Web è anche quella di poter fare utili comparazioni tra i prezzi al momento della decisione d’acquisto. Posso andare su Google, cercare un prodotto e il relativo prezzo, i primi risultati nella ricerca mi porteranno sicuramente a siti comparativi. Bisogna in alcuni casi non lasciarsi ‘ingannare’ dal prezzo particolarmente basso e valutare bene l’acquisto anche in base all’affidabilità o alla conoscibilità del Sito. Perché paradossalmente sono proprio i nomi meno noti a proporre prezzi estremamente competitivi.

Per capire quindi se siete di fronte ad una fregatura o ad un vero affare potete controllare nella pagina dei feedback relativi agli acquisti oppure leggere i commenti degli altri utenti così che potete anche constatare il loro l’indice di gradimento negli acquisti.

Ai vantaggi del commercio elettronico, però, si accompagnano anche dei rischi: la Polizia Postale in collaborazione con PayPal, una società del gruppo e-Bay, ha realizzato una guida molto utile rivolta ai consumatori per effettuare acquisti in sicurezza sul Web. La guida ‘La sicurezza è un diritto, anche quando si compra online’, la potete facilmente scaricare dal Sito del Governo al seguente indirizzo:

http://www.governo.it/Notizie/Ministeri/dettaglio.asp?d=63981.

I consigli non sono tantissimi, ma sicuramente semplici e immediati. Ve ne dico in sintesi alcuni tra i più importanti ripresi dalla Guida stessa:

-controllare sempre lo storico dei movimenti bancari per rilevare eventuali attività sospette;

-scegliere sempre password sicure (almeno 8 caratteri, con combinazione maiuscole/minuscole, numeri o simboli);

-informarsi su chi sia il venditore prima di comprare online;

-leggere bene le condizioni di vendita e le caratteristiche del prodotto che si sta per acquistare;

-fare acquisti su siti protetti (controllare che compaia il simbolo del lucchetto a fondo pagina e controllare che l’indirizzo sia https;

-fare attenzione ai dati che vengono richiesti, mai condividere pin e password;

-effettuare sempre il log out dai siti in cui si fanno acquisti;

Quindi che dire, con i metodi on-line lo shopping sta diventando un lusso per tutti, facciamo attenzione però a cosa compriamo, perché il più delle volte spinti da questi prezzi microscopici non prestiamo abbastanza attenzione al prodotto che poi ci ritroviamo tra le mani!

Maria Linda Muzi