Home Rubriche Food & Beverage

Tortino di mele

SHARE

Con Armenia a colazione da Urlo
Ho esaurito tutte le scorte di cibi da colazione accumulati quindi in attesa della cena (IronMan ha fatto le fettuccine domenica..mmm!) mi sono messa all’opera. Basta poco e già pregusto i tortini di domattina! Sarebbero perfetti anche serviti con un po’ di crema pasticcera o crema alla cannella ma io ho optato per la versione basica.
In più  questa schifosa giornata di pioggia e l’arrivo dell’imminente ponte mi invogliano davvero a stare ai fornelli..anche se la lavatrice chiama e ancor più il libro di storia dell’arte (ebbene si,ancora..ma è un altro esame!). Devo essere sorda.
Passiamo alle cose serie, ingredienti per 6/8 tortini:
1 uovo
1 tuorlo
100 g di zucchero semolato
150 g di farina 00
100 g di burro fuso freddo
1/2 bustina di lievito in polvere per dolci
50 ml di latte
1 stecca di vaniglia (io ho usato una bustina di vanillina, la stecca era li da un po’ troppo tempo ed aveva un aspetto decisamente poco invitante!)
la scorza grattugiata di mezzo limone bio (io ne ho fatti anche alcuni con le gocce di cioccolato quindi non l’ho messa)
1 mela

In una ciotola sbattete brevemente l’uovo ed il tuorlo, unite lo zucchero semolato e montate con le fruste elettriche fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso. Incorporate la farina setacciata insieme al lievito e mescolate bene per amalgamare. Aggiungete la scorza di limone grattugiata, i semini di vaniglia (per estrarli incidete con un coltello la bacca di vaniglia e prelevateli con la punta di un cucchiaino) e il burro fuso freddo. Mescolate nuovamente ed unite il latte a filo, sbattendo il composto con le fruste elettriche fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Disponete i pirottini di carta negli stampini da muffins e versatevi  il composto riempiendoli per 3/4. Sbucciate la mela, riducetela a fettine sottili e disponetene  4 o 5 sulla superficie di ciascun tortino. Fate cuocere nel forno già caldo a 170° per circa 25-30 minuti o comunque fino a quando appariranno dorati e uno stecchino infilato al centro uscirà asciutto e pulito. Sfornateli e quando sono ancora tiepidi spolverizzateli con lo zucchero a velo.
Inizia il doloroso periodo pre esame quindi dovrò forzarmi a cucinare di meno e studiare di più..confiderò nei soliti provvidenziali invii di cibo dall’esterno per sopravvivere ma prometto di non sparire del tutto. Anche perché ho qualche esperimento in mente che voglio condividere con voi…vi lascio con un po’ di suspense!

Armena Baghdighian