Home Municipi Municipio IX

Machina: in mostra la tecnologia dell’antica Roma

C’è tempo fino ad aprile per scoprire tutti i segreti delle macchine che hanno contribuito alla costruzione ed alla gestione dell’Impero Romano.

L’esposizione “Machina.Tecnologia dell’Antica Roma” è stata inaugurata a fine dicembre dall’Assessore alle Politiche Culturali Umberto Croppi e dal Sovraintendente ai Beni Culturali Umberto Broccoli, resterà fino ad aprile a Roma per poi spostarsi in Italia e all’estero. Il nome della mostra prende ispirazione dalla parola “machina”  e si compone di oltre cento esempi di tecnologia tra reperti archeologici, ricostruzioni virtuali, macchine, meccanismi ed opere in scala, nonché 47 calchi della collezione museale e 32 frammenti originali provenienti dall’Antiquarium comunale. “Oltre tre anni di lavoro per organizzare la mostra ed il catalogo – ci confida l’Associazione Piazza Duomo, curatrice dell’evento- ma ne è valsa la pena”. La realizzazione delle macchine esposte è stata affidata all’artigiano fiorentino Gabriele Niccolai che si dedica da tempo a ricreare i modelli di alcune delle macchine progettate da personaggi come Vitruvio e Leonardo Da Vinci, sulla base di studi di reperti e testimonianze, impiegando accuratamente materiali dell’epoca come bronzo, legno, ferro e pece vegetale che conferisce proprio al legno il tipico colore rossiccio scuro. “Grazie agli avanzati prodotti di grafica abbiamo elaborato e riproporzionato i disegni originali in modo da realizzare macchine più funzionanti rispetto ai vecchi modelli di cinquant’anni fa. Il nostro obiettivo è creare un’interattività tra il visitatore e le macchine che hanno fatto la storia dell’evoluzione meccanica, evidenziando i principi fisici che ne regolano il funzionamento. Questa visione permette divertimento e didattica per tutti ed allo stesso tempo di avere un riscontro pratico degli studi che si stanno effettuando, suggerendo un parallelo con il contemporaneo”  
Le opere ed i macchinari esposti sono un occasione per analizzare l’importanza strategica del settore tecnologico per lo sviluppo dell’Impero Romano, riguardano undici settori tra i quali alcuni esempi di macchine per lo sfruttamento delle risorse ambientali attraverso l’energia idraulica ed eolica. La mostra è promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione, Sovrintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma, Fondazione Roma, Regione Lazio, Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e l’Università “La Sapienza” che ha permesso la ricostruzione filologica dei materiali presi in esame.

Michela Romoli

Ads
Previous articleRischio idrogeologico, la nuova giunta regionale riapra via Giannetto Valli
Next articleBuon compleanno Garbatella: il 18 febbraio fa 90!