Home Notizie Cronaca Roma

Preferenziale Laurentina: il Municipio IX chiede l’eliminazione di 650m di preferenziale

Il documento approvato dal Consiglio Municipale è relativo ai tronconi di preferenziale tra Viale dell'Umanesimo/Via Sinigaglia e Piazzale Douhet, realizzato per il Corridoio della Mobilità di via Laurentina

LAURENTINA – Il Municipio IX è tornato ad esprimersi sul tema del Corridoio della Mobilità di via Laurentina e in particolare sulle parti di corsia preferenziale in sede non protetta già ampiamente criticate nel corso dei lavori di completamente del corridoio, avvenuti nella scorsa consiliatura. Già allora vennero mosse diverse critiche nei confronti dei tratti di preferenziale ricavati su via Laurentina (tra Viale dell’Umanesimo/Via Sinigaglia e Piazzale Douhet, 650 metri in tutto) riducendo la carreggiata stradale. Il problema rilevato da cittadini, comitati e politica locale (in contrasto su questo tema con il Campidoglio guidato dai 5Stelle) riguardava principalmente l’aumento di traffico dovuto alla convivenza tra la preferenziale e il traffico privato, con la creazione di lunghe code ai semafori e la modifica alla viabilità verso il quartiere Giuliano Dalmata.

L’ATTO IN CONSIGLIO MUNICIPALE

Nelle ultime settimane il Consiglio Municipale (dopo la ripresa del servizio dei filobus) è tornato sulla questione, approvando con 10 voti favorevoli un documento presentato in Aula da Marco Muro Pes, capogruppo della Lista Civica Calenda. La richiesta è la Presidente Di Salvo e l’Assessora alla Mobilità, Paola Angelucci, si facciano carico della richiesta, nei confronti del Campidoglio, di rimuovere questi tratti di preferenziale, preferendo il transito dei filobus in corsie miste. “Questi tratti hanno creato e creano problemi e rallentamenti sia al traffico pubblico che privato, in particolare nelle ore di punta – spiega il consigliere Muro Pes – I tratti che abbiamo chiesto di eliminare di circa 60 metri ciascuno, per posizione e conformazione creano restringimenti, rallentamenti generalizzati, intasamenti, occasione di incidenti. Problemi dovuti ai continui scambi di corsia tra mezzi pubblici e veicoli privati”.

Ads

LE RICHIESTE DELLA PASSATA CONSILIATURA

Un tentativo di evitare la realizzazione di questi tronconi di preferenziale venne portato avanti anche nella passata consiliatura nonostante la volontà del Comune di procedere con questa progettualità. Furono infatti due gli atti, votati all’unanimità dal Consiglio municipale, che chiedevano proprio la revisione di questo progetto. “Purtroppo l’amministrazione capitolina dell’epoca, non ascoltando le richieste del Municipio, si è ostinata ad applicare in modo ottuso un principio ideologico, senza alcuna considerazione del contesto dove si andava a calare concretamente – Aggiunge il consigliere della Lista Calenda Fulvio Bellassai – Ho fatto notare che tra tanti atti che forse mai vedranno una realizzazione, questo era invece concreto e realizzabile, comportando costi praticamente nulli ed essendo già disponibili molteplici pareri tecnici a sostegno di questa soluzione, richiesti nelle precedenti consiliature e mai messi in pratica”.

UNA SITUAZIONE DA VALUTARE

Sulla questione abbiamo interpellato l’Assessore municipale alla Mobilità, Paola Angelucci, tra le destinatarie del testo votato da parlamentino di via Silone. Quello che viene prospettato dall’Assessora è un nuovo confronto con gli uffici comunali sul tema: “È un argomento su cui bisogna ragionare con l’Assessorato Capitolino Mobilità ed è necessario valutare la soluzione più opportuna e che sia in grado di essere funzionale alla necessità di velocizzare il trasporto pubblico, che è lo scopo delle corsie preferenziali”. L’attesa quindi è per questo confronto tecnico sul futuro dei tronconi di preferenziale lungo via Laurentina, per capire quali siano le intenzioni dell’Assessorato comunale e quali soluzioni potranno essere messe in pratica per migliorare la viabilità sul quadrante.

LeMa

Previous articleDonna lascia la borsa sul tram, l’autista la rintraccia e gliela consegna
Next articleCovid-19: nel Lazio sono 3.561 nuovi casi positivi