Home Municipi Municipio VIII

Fosso delle Tre Fontane: il M5S interroga il MiBAC

i60rid2

Dopo la rimozione del vincolo si chiede al Ministero di confermare la rilevanza del Fosso

Ads

 

IL FOSSO – Dopo la rimozione del vincolo sul Fosso delle Tre Fontane, ad opera della Giunta Regionale del Lazio, potrebbero venir meno le motivazioni che hanno portato al sequestro dell’area e al blocco parziale dell’edificazione dell’I-60. Nei giorni scorsi il Municipio VIII e Italia Nostra si sono uniti nella protesta contro questa decisione. Anche il Movimento 5 Stelle che, negli scorsi mesi aveva plaudito al lavoro dell’Assessore Municipale all’Urbanistica, Massimo Miglio, ha deciso di alzare il tiro: “Nel fosso – spiegano i Consiglieri del M5s, Carlo Cafarotti e Valentina Vivarelli – è presente un ricco ecosistema fluviale che merita la massima tutela da parte delle istituzioni e tecnicamente la permanenza di un vincolo paesaggistico, com’è stato in passato. I cittadini del Movimento 5 Stelle sono focalizzati, a tutti i livelli e in tutte le istituzioni, sulla sua tutela ed impegnati fattivamente nella battaglia per la difesa del territorio“.

L’INTERROGAZIONE URGENTE – La deputata penta-stellata, Federica Daga, ha quindi raccolto le preoccupazioni e gli elementi raccolti dai colleghi municipali per presentare una Interrogazione Urgente verso il Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e al Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio: “Dopo gli interventi politici inerenti l’area nel Municipio VIII, Comune di Roma e, da ultimo, in Regione Lazio, oggi viene presentata l’interrogazione Urgente per chiedere se intendono – dal Ministero – avviare una istruttoria ai fini della conservazione del vincolo diretto, e se vogliono intraprendere azioni e provvedimenti per confermare la rilevanza paesaggistica del Fosso”.

ATTO NON SOLO DOVUTO – secondo i Consiglieri municipali del M5S: “È di fondamentale importanza che i Ministri interrogati rispondano positivamente ai quesiti posti, in particolare che facciano corrispondere la loro intenzione dichiarata di difendere il territorio, con atti e provvedimenti concreti nella stessa direzione, senza divagazioni o deroghe. Questa pronuncia da parte dei membri del Governo della Repubblica è quanto mai urgente – concludo Cafarotti, Vivarelli e Daga – perchè la Regione Lazio sta procedendo in direzione diametralmente opposta e cioè verso la rimozione di tale vincolo, che nei fatti è un atto totalmente ostile all’ambiente ed esattamente contrario alla tutela del territorio”.

Leonardo Mancini

Previous articleRogo nella notte nello stabilimento ex Miralanza
Next articleTutto pronto per il secondo appuntamento con la Mobilità Culturale