Home Cultura Meraviglie e Misteri di Roma

Garbatella: terminato il restauro delle catacombe di Commodilla

Ora si lavora per rendere questo spazio accessibile in vista del Giubileo del 2025

GARBATELLA –È bello quando si annuncia l’avvio di un intervento e poi lo si può vedere concluso, purtroppo questa non è un’abitudine nel nostro Paese”, ha commentato il Presidente del Municipio VIII, Amedeo Ciaccheri durante la presentazione della conclusione dei lavori di restauro delle catacombe di Commodilla in via Giovannipoli alla Garbatella. “Segno che concludere un restauro in tempi certi è possibile se si vuole”, ha continuato.

Ads

L’AVVIO DEI LAVORI

Gli interventi erano stati presentati nel Parco di via Giovannipoli nel marzo 2021, alla presenza del Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra, e al Dott. Anar Alakbarov, Direttore della Heydar Aliyev Foundation. In quell’occasione fu possibile effettuare un primo sopralluogo per monitorare l’andamento dei restauri.

IL RESTAURO

Grazie alla collaborazione con la Fondazione Heydar Aliyev dell’Azerbaijan, la Pontificia Commissione di Archeologia Sacra ha potuto approntare un progetto di restauro della catacomba di Commodilla. Dal 2018 al 2020 ci sono stati una serie di interventi archeologici per lo scavo della scala originaria di accesso, oltre alla messa in sicurezza del “cubicolo di Leone”. Tra il 2021 e il 2022 invece si è restaurata la “Basilichetta” dei Santi Felice ed Adautto con i suoi affreschi. Allo stesso tempo è stato progettato e messo in opera l’impianto di illuminazione per la creazione di un primo percorso di visita all’interno delle gallerie della catacomba.

IL FUTURO DELLE CATACOMBE

Purtroppo nel quartiere non sono in molti ad aver potuto ammirare l’interno di queste catacombe che contengono il luogo di sepoltura e la rappresentazione dei Santi Martiri Felice e Adautto. “Per il quartiere si tratta di un luogo di straordinario valore – ha poi aggiunto il minisindaco Ciaccheri – È una perla del territorio in un parco mantenuto dagli sforzi dei volontari del Comitato Parco Giovannipoli. Per noi questa giornata è un tassello importante anche in vista di Giubileo”. La speranza infatti è che con questo restauro, e con il Giubileo alle porte, si possa visitare questo luogo non solo con delle sporadiche visite guidate.

Leonardo Mancini

Previous articleCovid Lazio: sono 6.879 i nuovi positivi
Next articleScritte no vax sui muri dello Spallanzani