Home Rubriche City Tips

Roma: interventi su 11 stazioni della metro

Al via la riqualificazione delle aree esterne di 11 stazioni. Raggi: “Interventi attesi da decenni: più decoro per le nostre metropolitane dal Centro alla periferia”

SHARE
64377 roma garbatella la stazione della metro

ROMA – Saranno 11 le aree esterne delle stazioni della metropolitana di Roma che verranno riqualificate. Nelle ultime settimane sono già partiti i primi interventi a Pietralata (Linea B), Cipro, Battistini e Spagna (Linea A). “Finalmente dopo decenni di abbondono e incuria restituiamo decoro e sicurezza a molte stazioni delle nostre metropolitane. È un progetto di riqualificazione completa, che mette al centro una programmazione efficace sul territorio”, ha commentato la Sindaca di Roma Virginia Raggi.

GLI INTERVENTI PROGRAMMATI

Si tratta di interventi che prevedono la pulizia dell’area, lo sfalcio e la potatura delle alberature e degli spazi verdi, il rifacimento delle pavimentazioni stradali e dei marciapiedi, la rimozione delle scritte, il ripristino delle sedi stradali con i percorsi Loges per non vedenti e ipovedenti, il restyling dei sanpietrini in alcune stazioni, la pulizia delle griglie e la verifica completa del sistema idraulico, la verniciatura dei corrimano delle scale, delle strutture in ferro e dei parapedonali. Il lavoro, spiegano dal Campidoglio, viene eseguito dall’Ufficio Coordinamento per il Decoro Urbano, nato circa un anno fa, in sinergia con Ama, il Servizio Giardini e con il Dipartimento Simu di Roma Capitale.

LE ALTRE STAZIONI IN ATTESA

Oltre alle quattro stazioni dove gli interventi sono già partiti nelle scorse settimane, restano altre 7 arre esterne da riqualificare. Nei prossimi giorni partiranno i lavori su Barberini (Linea A), Monti Tiburtini, Quintiliani, Bologna, Policlinico, Colosseo e Garbatella (Linea B). L’importo complessivo impegnato è di circa 800mila euro per tutti gli interventi previsti nell’appalto di durata annuale. A breve andrà in gara un appalto della durata triennale grazie al quale l’Ufficio del Decoro potrà programmare interventi futuri.

Red