Home Notizie Cronaca Roma

Roma: nuovo open day per la Carta d’Identità Elettronica 

Il 21 e il 22 maggio nuovo open day con prenotazione nei municipi IV, X, XI e XV e negli ex PIT

ROMA – Gli uffici anagrafici dei Municipi IV, X, XI e XV resteranno aperti sabato 21 maggio in occasione del nuovo Open Day dedicato alla carta d’identità elettronica. Oltre al sabato, domenica 22 maggio saranno operativi anche i tre chioschi ex Punti Informativi Turistici del centro.

LA PRENOTAZIONE

Per fare richiesta della carta d’identità elettronica nelle aperture straordinarie del fine settimana è obbligatorio prenotare il proprio appuntamento nella giornata di venerdì 20 maggio, a partire dalle ore 9 fino ad esaurimento delle disponibilità, tramite il sito Agenda CIE del Ministero dell’Interno (https://www.prenotazionicie.interno.gov.it/). Per espletare la richiesta della CIE bisognerà presentarsi muniti di ticket di prenotazione all’Open Day, di fototessera, di una carta di pagamento elettronico e del vecchio documento.

Ads

ORARI E INDIRIZZI DEI MUNICIPI E DEGLI EX PIT COINVOLTI

MUNICIPI:

Municipio IV: la sede di via di San Romano sarà aperta sabato 21 maggio dalle ore 8.00 alle ore 12.00. Oltre agli appuntamenti prenotabili il venerdì mattina, è previsto lo svolgimento, nello stesso giorno, di operazioni di recupero degli appuntamenti pregressi.

Municipio X: la sede di piazza di Capelvenere, 13 (Acilia) sarà aperta sabato 21 maggio dalle ore 8.30 alle ore 16.30.

Municipio XI: la sede di via Portuense, 579 sarà aperta sabato 21 maggio dalle 8.00 alle 17.00.

Municipio XV: la sede di piazza Saxa Rubra, 19 sarà aperta sabato 21 maggio dalle 8.30 alle ore 16.00

GIORNI E ORARI APERTURA EX PIT

Piazza Santa Maria Maggiore, Piazza Sonnino e Piazza delle Cinque Lune: aperti sabato 21 maggio dalle ore 8.30 alle ore 16.30 e domenica 22 maggio dalle ore 8.30 alle ore 12.30

Red

Previous articleFonte Meravigliosa: ancora un rogo di auto, è il terzo in tre mesi
Next articleMunicipio VIII: presentati i progetti della Regione per la sanità territoriale