Home Parola ai lettori

Santa Palomba: firme contro il ripristino della discarica Albano-Roncigliano

La segnalazione dei cittadini per questa iniziativa promossa dai comuni di Albano, Ardea e Pomezia contro la possibilità di nuove autorizzazioni e contro il ripristino della discarica

Riceviamo su lettori@urloweb.com la segnalazione di questa raccolta firme promossa dai comuni di Albano, Ardea e Pomezia.

Oggi tutto corre velocemente, la nostra attenzione è sempre più rapita dalle mille cose da fare e talvolta dimentichiamo di dare spazio al nostro spazio, e quando parliamo di spazio parliamo di Terra. Ce ne prendiamo cura abbastanza?

Ads

Con questo articolo vogliamo dare attenzione alla grande raccolta firme, promossa dai comuni di Albano, Ardea e Pomezia, fatta per chiedere all’Ufficio Rifiuti Lazio la revoca delle autorizzazioni volte al ripristino della discarica Albano-Roncigliano.

La storia del riavvio di questa discarica ha già qualche anno e le autorizzazioni che ne attestano il ripristino sono assolutamente illegittime; portandole avanti si ignora completamente un’interdittiva antimafia della Prefettura di Roma, confermata in via definitiva dal Consiglio di Stato.

Il caso Albano non può assolutamente sfuggire all’attenzione della Commissione Rifiuti Lazio né a quella dei cittadini!

Ed è sempre pensando alla Terra, che già da tempo ci stiamo chiedendo se sia corretto coprire con nuovo cemento oltre 20 ettari di agro romano, ettari ricchi di ritrovamenti archeologici che vanno dal 1000 a.c. alla tarda età imperiale, riducendo in questo modo la possibilità di rigenerare la falda acquifera e provocando un generale calo di pressione nella rete idrica.

Stiamo parlando della proposta di edificazione di 1000 nuovi appartamenti nella campagna a ri-dosso dell’area industriale su Via Cancelliera, quindi l’area compresa tra Albano, Ariccia, Castel-gandolfo e Pomezia.

La fornitura idrica è stata adeguata con grande fatica alla popolazione esistente e probabilmente non sarà sufficiente con l’arrivo di 4000 abitanti in più.

Ciò che ancora non risulta chiaro è a chi verranno assegnate queste case.

Quanto costerà adeguare i trasporti, la raccolta dei rifiuti, le strade già in condizioni poco agevoli, le scuole e l’assistenza sanitaria? Chi si farà carico di queste spese? Inoltre, data la diminuzione della popolazione, siamo certi ci sia bisogno di nuove abitazioni? Forse, no.

Per consegnare le risposte a tutti i soggetti coinvolti sono state organizzate raccolte firme presso:

Albano, Cecchina, Pomezia e Pavona

L’obiettivo è quello di avere un tavolo di confronto con la Raggi, per avere delle risposte, per otte-nere le graduatorie degli assegnati secondo criteri trasparenti e per fare in modo che vengano co-struite solo le abitazioni di cui davvero si ha necessità.

Chi volesse sostenere la raccolta firme può recarsi presso:

  • Comitato Santa Palomba in Via Ardeatina km 20.800 Tel. 06-9194010
  • Associazione Pomezia Aiuta in Via Singen n.34 Pomezia (RM) 00071

M.F.P.

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni a lettori@urloweb.com

 

Previous articleAl Mausoleo Ossario Garibaldino si rivive la Repubblica Romana del 1849
Next articleMovida, Roma: nuova ordinanza antialcol