Home Rubriche Food & Beverage

Crostata di pomodori

La terribile rivelazione che mi ha colta di sorpresa in questa, finalmente, assolata mattina è il vero dramma di ogni donna di casa: è giunto il momento di fare il cambio di stagione!


Su questa nota dolente e su quelle delle pulizie, il commercialista, la nonna in clinica, lo studio, la tesi, la spesa e il mio abbonamento di military fitness che ancora non sono riuscita ad iniziare (vi delizierò con questo dettaglio un’altra volta!) stendiamo un bel velo pietoso e dedichiamoci al cibo, vero toccasana per ogni seccatura.
Questa è la seconda ricetta preparata per il primo maggio, fatta di sabato tra l’inaspettatamente brevissima seduta dal parrucchiere e il pomeriggio di ozio. Inizia la stagione dei pomodori buoni e profumati e li vedrete in tutte le salse perche mi piacciono moltissimo.

Ads

Ingredienti per una teglia da 24 cm di diametro:
Per la pasta:
1 confezione di pasta Briseè
Per il ripieno:
4/5 pomodori San Marzano maturi
2 cucchiai di senape all’antica
5/6 fette sottili di scamorza affumicata
timo
Olio extravergine di oliva
Sale
Pepe

Procedimento:
Disponete la pasta all’interno di uno stampo circolare da crostata di 24 cm di diametro opportunamente imburrato, eliminando l’eccesso di impasto che sborda. Bucherellate la base con i rebbi di una forchetta e cospargetela prima con la senape, poi con le fettine di scamorza, che avrete tagliato abbastanza sottili.
Lavate e asciugate i pomodori, tagliateli a fette e distribuiteli sul formaggio in maniera omogenea (verranno circa due strati completi). Irrorate con olio extravergine di oliva, sale, una macinata di pepe e un po’ di timo. Fate cuocere nel forno già caldo a 200°, ventilato, per circa 40-45 minuti, al termine dei quali la pasta dovrà apparire dorata e i pomodori leggermente appassiti. Fate intiepidire e servite.

Trovo che sia venuta buonissima e tra un paio di mesi con i pomodori di piena estate sono sicura che verrà perfetta.
Ora scusate ma devo tornare
alle delizie della vita domestica!

Armenia Baghdighian

Previous article“L’Africa che ho riportato nel cuore”
Next article“Sport City”: un’idea per l’estate 2011