Home Cultura

Profondo Rosso: il museo di Dario Argento

SHARE

Un luogo nascosto, dove fare un viaggio nel cinema e liberare la fantasia in una qualsiasi notte di paura.

A Roma, in via dei Gracchi 260, nel cuore del quartiere Prati c’è Profondo Rosso, uno store dedicato interamente all’horror, alla fantascienza, ai gialli. Profondo Rosso non è solo un negozio dove acquistare tutto ciò che riguarda il mondo del mistero, ma è anche un luogo speciale per tutti gli amanti del genere. Il negozio nasce nel 1989 da un’idea di Dario Argento (nella foto con Tim Burton) che voleva creare un punto di incontro per gli appassionati del cinema fantastico in Italia. I primi mesi, nessuno lo conosceva. Poi di colpo i giornali hanno cominciato a parlarne, perché a quel tempo era il primo spazio dedicato a questo tipo di cinema in Italia: le vetrine attiravano i giornalisti e così La Repubblica, il Corriere della Sera, la televisione hanno fatto diversi servizi e arrivavano fans da tutte le parti.

Nei sotterranei, Dario Argento decise allora di costruire il Museo degli Orrori, dove ancora oggi sono raccolti tutti gli oggetti, gli effetti speciali, gli elementi scenografici, i reperti storici dei suoi film, e al quale si può accedere tutti i giorni (tranne i festivi e la domenica) pagando il biglietto di 3 euro a persona. Di solito finite le riprese di un film, tutto viene spesso buttato o riciclato, ma il regista ha pensato in questo modo di conservare alcune cose belle e preziose. In questo insolito museo infatti sono esposti al pubblico, parte dei materiali originali usati durante le riprese, illustrati da una voce guida fantasma. Un viaggio nel cinema di Dario Argento dagli anni ’80, un percorso sotterraneo lungo il quale si possono incontrare le cere, le maschere. Una specie di corridoio ai cui lati ci sono delle gabbie chiuse con delle sbarre dentro le quali sono state ricostruite delle scene di Phenomena, Opera, Demoni, La Chiesa, La Sindrome di Stendhal dagli stessi scenografi che lavorano da sempre con il regista. E’ un museo famoso in tutto il mondo ormai, il tempio del suo cinema e insieme una casa dei ricordi: un tuffo nel cinema italiano, in quello di Hollywood.

L’horror è un genere partito con il cinema muto, con l’espressionismo tedesco. Il primo film a soggetto della storia del cinema è un film di fantascienza – Viaggio sulla Luna di Méliès, perché il fantastico ha affascinato da subito gli spettatori e gli autori cinematografici. Fino agli anni ’80 era un genere limitato quasi solo alla produzione di serie B, poi è arrivato “L’Esorcista” ed è stato promosso a genere cult di Hollywood. Non a caso, oggi i film drammatici sembrano perdere posti in classifica, le commedie si trasformano in commedie fantastiche e il maggiore incasso della storia è “Avatar”, che è un film fantastico.
La fantasia, la libertà della fantasia, sembra essere l’unica scelta possibile per fuggire dal mondo in cui viviamo: le persone non hanno più voglia di rivedere e trovare al cinema i loro problemi. Preferiscono l’evasione totale, sanguinaria, fantastica, assurda, costruendo mondi immaginari che non hanno più niente a che fare con la realtà.

Nella notte di Halloween, il 31 ottobre, ogni anno dalle nove di sera – come fosse una vigilia di Natale – il negozio resta aperto oltre l’orario di chiusura, si bloccano le vendite e arriva Dario Argento. La gente si mette puntualmente in fila fuori, entrano in piccoli gruppi di due tre persone e ciascuno singolarmente ha la possibilità di incontrare il regista, di farsi firmare le copertine dei dvd, dei manifesti, di fare foto e di parlare finalmente con lui.

Informazioni:
Profondo Rosso Store
Via dei Gracchi, 260 – Roma
Orari: lun-sab 10.30-13/16-19.30
www.profondorossostore.com

Ilaria Campodonico