Home Municipi Municipio IX

Emergenza freddo: Municipio XII raddoppia punti d’accoglienza per i senzatetto

SHARE

Il Municipio XII raddoppia i punti d’accoglienza per i senza fissa dimora: allestiti nell’area del Santuario della Madonna del Divino Amore due punti mobili con lo scopo di accogliere e riparare dal freddo i senza tetto. A disposizione dei più bisognosi docce, servizi igienici e letti nelle strutture riscaldate che hanno accolto già 9 persone

 

Notti al caldo per i senzatetto nel Municipio XII. Nell’area del Santuario della Madonna del Divino Amore sono stati allestiti due container per l’accoglienza delle persone senza fissa dimora. L’iniziativa è stata presentata domenica mattina dal Presidente del Municipio XII, Pasquale Calzetta, dall’Assessore municipale alle Politiche Sociali, Gemma Gesualdi, e dal Rettore Parroco del Santuario, Don Pasquale Silla.
Messe a disposizione dalla Protezione Civile, le strutture mobili, riscaldate e attrezzate con posti letto, spazio per i servizi igienici e zona docce, hanno già accolto i primi 9 ospiti. Con la collaborazione delle associazioni di volontariato presenti sul territorio, verrà garantita la distribuzione giornaliera di bevande e del pasto serale, insieme ad un servizio di assistenza
per interventi sanitari di prima necessità, assicurati dalla presenza di ambulatorio medico con personale volontario già attivo.
Il nuovo punto di ricovero per i senza fissa dimora, che fa parte delle Rete Sociale del Municipio XII, si affianca ad un’altra area attrezzata per l’emergenza freddo presente sul territorio, in Piazza dei Militari Caduti nei Lager lungo la Laurentina, allestita insieme alla Comunità di Sant’Egidio e che attualmente ospita 16 persone.
“Intendiamo lasciare disponibili questi due nuovi container non solamente in questo periodo di maggior rigidità climatica per offrire riparo dal freddo, ma anche nei mesi successivi per continuare a dare un supporto a chi è senza dimora.” – dichiara Calzetta – “Inoltre stiamo già pianificando l’attivazione di nuovi punti di accoglienza”.