Home Municipi Municipio VIII

Manifesti abusivi e slogan nella notte in alcuni quartieri del Municipio VIII

La denuncia di Fdi e le segnalazioni dei cittadini alle Forze di Polizia

SHARE

MUNICIPIO VIII – La denuncia arriva dalle fila di Fdi in VIII Municipio. Più precisamente è l’ex minisindaco grillino Paolo Pace, poi passato al partito di Giorgia Meloni, a ricostruire gli eventi della scorsa notte. Lo fa attraverso un post su Facebook apparso questa mattina.

I FATTI DI QUESTA NOTTE – “Denunciamo oggi i gravissimi ed inqualificabili atti d’intimidazione avvenuti questa notte in molte zone del Municipio VIII, da parte di numerose persone incappucciate che gridavano slogan ‘antifascisti’ anni ’70. Purtroppo – scrive Pace – non si limitavano solo a questo, ma procedevano ad imbrattare con scritte anacronistiche molti muri (da poco ripuliti), affiggevano manifesti abusivi, intasavano con le auto alcune strade, lanciavano razzi e “bombe carta” in alcuni luoghi ed aree verdi, creando apprensione e timori negli abitanti. In molti hanno avvertito le forze dell’ordine (che hanno ricevuto centinaia di segnalazioni), che si sono prodigate per mettere fine alla scorribanda notturna”.

LE SEGNALAZIONI – Secondo quanto riferito dall’esponente di Fdi sono state molte le segnalazioni arrivate alle forze di Polizia: “Tantissimi cittadini, indignati per questi deplorevoli fatti, hanno espresso la volontà di reagire denunciandoli alle autorità al fine di assicurare alla giustizia i responsabili e garantire maggior sicurezza sul nostro territorio”.

LA CAMPAGNA ELETTORALE – Queste azioni, secondo Pace, sarebbero quantomeno da leggere nel quadro più grande della campagna elettorale che si sta svolgendo sul territorio municipale in vista delle Elezioni Amministrative del 10 giugno prossimo: “C’è chi predica bene di giorno, magari parla di democrazia, ordine, sicurezza e decoro urbano, e tra sorrisi e falsi ammiccamenti cerca d’imbonirsi la cittadinanza mostrandosi “agnello” al solo fine di carpire il loro voto alle prossime elezioni, poi la sera diventa “lupo” s’incappuccia e mette in atto pericolose scorribande intimidatorie su tutto il Municipio, seminando il panico nella popolazione e devastando il decoro urbano”.

SAN PAOLO – La condanna arriva anche dal CdQ Insieme per San Paolo: “Molti cittadini, spaventati dalle tante persone che scendevano da auto e moto incappucciate urlando slogan, imbrattando muri dei palazzi con scritte e manifesti e esplodendo razzi e bombe carta, hanno avvertito le Forze dell’Ordine che sono intervenute per ristabilire la tranquillità – si legge in una comunicazione del CdQ – Riteniamo che qualsiasi siano le motivazioni, una corretta dialettica politica debba sempre rispettare i canoni della sicurezza e della convivenza civile”.

LeMa

(Foto: Paolo Pace)