Home Municipi Municipio XI

Il Controllo del Vicinato arriva a Marconi

SHARE
Controllo-del-Vicinato

Dopo la grande partecipazione dei quartieri periferici si allarga la rete del Neighbourhood Watch capitolino

IL SISTEMA – Il Controllo del vicinato, o meglio il Neighbourhood Watch, nasce tra gli anni ’60 e ’70 negli USA, e viene adottato da decenni in molte città americane ed europee, con circa 10 milioni di aderenti. “Si tratta di un sodalizio tra cittadini per fare osservazione e inviare segnalazioni alle forze dell’ordine – spiega il criminologo Francesco Caccetta, responsabile ACdV (associazione Controllo del Vicinato) per l’Italia centrale – Sono bandite ronde e interventi diretti, perché un testimone qualificato è meglio di una vittima. Anche se ci si ritrova in gruppo, mai prendere iniziative rischiose”.

COME FUNZIONA – Il sistema è semplice e nel caso romano si sta avvalendo di una chat di Whatsapp dedicata alla condivisione di informazioni su quanto sta avvenendo nel quartiere, per mettere assieme tutti gli elementi utili a segnalare un comportamento anomalo o un crimine agli organi di Polizia. A questo si arriva dopo un percorso di formazione, una serie di incontri che vengono ripetuti ogni due mesi e l’adesione formale all’Associazione Controllo del Vicinato. Si costituisce quindi un coordinamento di zona, che consegnerà ai cittadini un vademecum con tutti i consigli sulla sicurezza.

L’INCONTRO – Negli ultimi mesi l’associazione ha visto aumentare gli aderenti nella Capitale, soprattutto per quanto riguarda i molti quartieri del Municipio IX extra GRA. Ora l’iniziativa punta a raggiungere anche quartieri più popolosi, con problemi e criticità molto differenti. L’appuntamento per saperne di più è per il 18 aprile alle ore 15,30 nella Chiesa Gesù Divino Lavoratore in via Oderisi da Gubbio nel quartiere Marconi. Durante l’incontro è previsto l’intervento del criminologo e responsabile dell’Associazione Controllo del Vicinato per l’Italia centrale, Francesco Caccetta, che spiegherà ai cittadini le basi di questo sistema di controllo partecipato.

Leonardo Mancini