Home Notizie Cronaca Roma

Run for Food 2011

SHARE

Il 16 Ottobre a Roma va su strada la sesta edizione della Corsa contro la Fame. Partenza alle 10:00 dalle Terme di Caracalla. Vigilia della Giornata Mondiale dell’Alimentazione, Run for Food 2011 è dedicata alle popolazioni del Corno d’Africa, una delle aree geopolitiche più devastate dall’insicurezza alimentare come emerge anche dal Rapporto SOFI 2011.

Run for Food è un’iniziativa organizzata dal Gruppo Sportivo Bancari Romani (GSBR) su iniziativa FAO, IFADPAM (WFP) e Bioversity International con il patrocinio della Provincia di Roma. La corsa cade alla vigilia della Giornata Mondiale dell’Alimentazione che verrà celebrata il 17 Ottobre 2011, sebbene la sua data canonica sia il 16 Ottobre. “I giorni festivi rendono problematici gli spostamenti delle personalità politiche e istituzionali internazionali che partecipano all’evento” – spiegano dalla FAO – “Per questo motivo quando il 16 Ottobre cade il Sabato si è soliti anticipare la Giornata al Venerdì mentre per la Domenica si sceglie il primo giorno feriale utile, il Lunedì“.

La conferenza stampa del Run for Food è fissata per oggi alle ore 12:30 nella Sala degli Arazzi della FAO. Testimonial dell’evento Carla Fracci, Marco Masini e Nino Benvenuti con la partecipazione del Vice Sindaco di Roma, Sveva Belviso.

Particolare rilevanza verrà data alle popolazioni del Corno d’Africa cui è dedicata l’edizione 2011 della Corsa. Il Corno d’Africa è una delle zone del pianeta più colpite dalla piaga della Povertà Estrema. Una piaga che, rivela il SOFI 2011 – The State of Food Insecurity in the World – trova una delle sue cause nella volatilità e nelle fluttuazioni dei prezzi alimentari che, iniziate con la crisi alimentare del biennio 2006/2008 e poi accentuata dall’attuale crisi dei mercati, “complicano i nostri sforzi per raggiungere l’Obiettivo di Sviluppo del Millennio (MDG), che è quello di ridurre della metà la percentuale di persone che soffrono la fame entro il 2015. Malgrado questo obiettivo infatti circa 600 milioni di persone soffrono la fame quotidianamente. Non è accettabile avere 600 milioni di persone in queste condizioni di sofferenza. La comunità internazionale deve agire oggi, con forza e in modo responsabile per allontanare dal pianeta l’incubo dell’insicurezza alimentare” – riporta l’introduzione al SOFI 2011 redatta, congiuntamente, Jacques Diouf (Direttore generale FAO), Kanayo F. Nwanze (Presidente IFAD) e Josette Sheeran (Direttore esecutivo PAM).