Home Rubriche City Tips

Adiconsum preoccupata per autorizzazione della UE alla Patata Amflora

SHARE
patate

Il rischio è la diffusione della resistenza agli antibiotici.
Sebbene la Basf, titolare del brevetto della patata Amflora, tenti di rassicurare l’opinione pubblica garantendo che l’ortaggio geneticamente modificato non sarà mai destinato all’alimentazione umana, le preoccupazioni rimangono.

L’Ogm in questione, infatti, è stato selezionato utilizzando come marcatore un gene, l’nptII, che conferisce la resistenza a due antibiotici aminoglicosidici, la kanamicina e la neomicina, attivi contro molti batteri.
Il rischio è che ora questa resistenza, nel caso gli scarti della patata vengano usati come mangime, venga trasferita ai batteri presenti nell’apparato digerente degli animali, e quindi, attraverso la catena alimentare, alla flora batterica dell’intestino umano.
L’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha sminuito il problema dichiarando che “kanamicina e neomicina hanno un uso limitato sia in medicina sia in veterinaria”, e che “la probabilità che il gene nptII si trasferisca dalla pianta ai batteri è molto bassa”.
Tuttavia l’Adiconsum fa osservare che la possibilità del trasferimento, per quanto bassa non può essere esclusa; del resto quello della resistenza agli antibiotici è un fenomeno già serio, e la cautela è d’obbligo anche quando il rischio di propagarla sembra trascurabile.
Del resto anche la direttiva 2001/18/Ce, sull’emissione deliberata nell’ambiente di organismi geneticamente modificati, vieta l’uso negli ogm di geni della resistenza usati come marcatori quando questi potrebbero avere effetti negativi per la salute umana. Per questo l’Adiconsum accoglie con favore la pronta presa di posizione del ministro Zaia per la promozione di un fronte comune che raccolga tutti i Paesi contrari agli Ogm e più preoccupati per la sicurezza dei propri cittadini e dell’ambiente che per i guadagni delle multinazionali.