Home Rubriche Viaggi

Andalusia: i luoghi da non perdere in vista dell’inverno

SHARE
Photo by Pxhere / CCO Public Domain

Inutile nasconderlo, l’inverno è alle porte e quello dell’estate e delle sue temperature miti è solo un ricordo che si appresta a diventare lontano. Per fortuna, però, alcuni luoghi sembrano non soffrire del tutto l’alternarsi delle stagioni, mantenendo sempre un clima tiepido e accogliente, in grado di trasmettere delle sensazioni da vacanza al mare tipiche dei periodi più caldi. Fra questi vi è sicuramente l’Andalusia, con una temperatura media che durante l’anno si aggira attorno ai 17°. Un’occasione perfetta per chi, in vista dell’inverno, non si sta preparando alla classica vacanza in montagna. Ma un’occasione perfetta anche per chi è curioso di imbattersi in città cosmopolite, in villaggi autentici e paesaggi incantevoli. L’Andalusia è tutto questo e i luoghi da scoprire questa ricca regione spagnola sono tanti!

Siviglia

Si parte con la città che è spesso identificata con l’Andalusia stessa, quella Siviglia famosa in tutto il mondo per il Flamenco. Il capoluogo andaluso offre ricchezze artistiche e culturali preziosissime. Ad esempio, una visita alla cattedrale, dalla cui celebre torre della Giralda è possibile ammirare un panorama mozzafiato, è obbligatoria. O ancora l’Alcázar, palazzo reale di bellezza inestimabile e l’Archivo General de Indias, archivio di stato che contiene documenti relativi all’impero spagnolo nelle Americhe e nelle Filippine.

Infine, una passeggiata nel centro storico passando per Plaza de España il quartiere di Santa Cruz sarà la ciliegina sulla torta, per un’esperienza indimenticabile.

Granada

Non esiste un modo canonico per scoprire la bellezza di Granada. Niente programmi, niente guide turistiche, c’è solo da lasciarsi trascinare dal proprio istinto e camminare per le viuzze di questa splendida città. Granada nasconde infatti delle perle che, se incontrate “casualmente”, mozzeranno il fiato. La Cattedrale e la Cappella Reale sono testimonianze artistiche e religiose secolari. I Banuelos sono dei bagni arabi in grado di catapultare i visitatori in un’altra cultura. E poi c’è l’Alhambra, l’attrazione principale di Granada e forse di tutta la Spagna. Merito della maestosità architettonica di un edificio che un tempo era la residenza dei sultani Nasrid e che adesso è la più autentica dimostrazione dello splendore della città.

Marbella

Parte della Costa del Sol, Marbella è uno dei luoghi più autentici di tutta l’Andalusia. I suoi paesaggi sono vari e comprendono spiagge stupende che la rendono una località balneare gettonatissima ma anche sprazzi di montagna, grazie alla sua vicinanza alle Concha. La cittadina è poi ricca di piccole chiese e stradine deliziose che le donano un’atmosfera magica. C’è poi la Moschea, da vedere assolutamente, e tanti musei fra cui quello dedicato ai Bonsai, famoso in tutto il mondo per la sua collezione di piante.

Ma Marbella è anche una città viva, che in passato ha attirato molte star di Hollywood per la sua aura esclusiva e che negli ultimi anni si è guadagnata l’attenzione di molti grazie a un festival interamente dedicato al poker.

Malaga

Photo by Pxhere / CCO Public Domain

Spesso ricordata per la sua vita notturna, Malaga è forse il punto di riferimento artistico di tutta la regione. La città natale di Picasso ha nell’Alcazaba e nell’anfiteatro romano i suoi luoghi più in vista per quanto riguarda il turismo. Ma non finisce qui, perché il Museo delle Belle Arti è una delle maggiori espressioni artistiche della produzione di Picasso e perché il centro storico sembra essere sopravvissuto allo scorrere del tempo. Ci sono chioschi specializzati nella vendita di fiori che donano al luogo fattezze purissime. In particolare i biznagas. I tipici gelsomini bianchi sono un po’ il simbolo di Malaga, in grado anche di offrire ai suoi visitatori delle ore di relax lungo la spiaggia della Malagueta.

Cordova

I monumenti, il centro storico, le usanze. A Cordova tutto testimonia il mix di culture che si sono susseguite nel tempo. Dai romani agli arabi, i luoghi di interesse originati dalle varie dominazioni sono molti. Impossibile non citare la moschea patrimonio UNESCO la cui costruzione è durata circa due secoli, senza però dimenticare Palazzo Viana, e l’Alcázar. Ma Cordova deve la sua fama anche alla Feria de Patios, festività che ha luogo a Maggio e in occasione della quale i tipici cortili vengono decorati con piante e fiori.

Per un po’ di romanticismo c’è poi il ponte romano, da cui si può ammirare un paesaggio mozzafiato, perfetto da immortalare.

L’arte e la cultura, l’autenticità dei suoi luoghi e le temperature miti. L’Andalusia è la soluzione perfetta per il periodo che è alle porte.