Home Cultura

Online e gratis le storie dei grandi fumettisti italiani

Tra le iniziative dei Musei digitali anche quella che coinvolge storie disegnate da grandi nomi del fumetto

SHARE

CULTURA – Il viaggio nella cultura italiana direttamente dal divano della propria casa continua coinvolgendo anche una forma d’arte come il disegno a fumetti che entra a far parte delle iniziative digitali del Ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo con l’iniziativa “Fumetti nei Musei”.
La cultura italiana promossa a 360 gradi per non perdere il contatto con il patrimonio del nostro paese a causa del lockdown causato dalla diffusione del Coronavirus.

I FUMETTI

Sono state pubblicate ieri sei storie, dedicata per questa domenica alla bellezza del paesaggio italiano in tutte le sue forme. Mentre tramite le pagine social del Mibact e di altri luoghi della cultura italiana i visitatori potranno ammirare i panorami italiani con fotografie e illustrazioni moderne e d’epoca, la stessa cosa potrà essere fatta anche attraverso le storie, disponibili da ieri online, realizzate da alcuni dei migliori fumettisti del nostro paese.
Sono presenti i fumetti ambientati nelle Gallerie Estensi di Modena, con la storia e i disegni di Marino Neri; nella Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, con la storia e i disegni di LRNZ; nel Museo Archeologico dei Campi Flegrei, con la storia e i disegni di Miguel Angel Valdivia; nelle Gallerie dell’Accademia di Venezia, con la storia e i disegni di Alice Socal; nel Pacro Archeologico dell’Appia Antica, con la storia e i disegni di Gud; nel Museo delle Civiltà, con la storia e i disegni di Manfredi Ciminale.

IL PROGETTO

Ideato e curato dal Mibact, il progetto Fumetti nei Musei è realizzato in collaborazione con la casa editrice Coconino Press è infatti al centro del viaggio in Italia lanciato con gli hashtag #paesaggioitaliano e #viaggioinitalia. Da ieri, domenica 19 aprile al link www.issuu.com/coconinopress è possibile scarica i fumetti. I contributi saranno disponibili fino alle 11:30 di domani, martedì 21 aprile e poi fino a sabato a rotazione.

Apt