Home Rubriche City Tips

Stazione Tor di Valle: lavori fermi e cantieri abbandonati

La denuncia della Lega: “Una situazione vergognosa che evidenzia la superficialità delle politiche sulla mobilità di Comune e Regione”

SHARE

TOR DI VALLE – Nella mattinata di sabato 21 novembre, una nutrita delegazione della Lega ha effettuato un sopralluogo nell’area della stazione di Tor di Valle della Roma-Lido in Municipio IX. La struttura è tempo oggetto di un cantiere di riqualificazione rimasto immobile e caduto pian piano nel degrado e nell’abbandono. All’incontro, oltre al consigliere del Municipio IX Piero Cucunato, erano presenti anche il senatore De Vecchis, l’europarlamentare Baldassarre, il consigliere di Roma Capitale Maurizio Politi, Eloisa Fanuli, i militanti della Lega Giovani, molti pendolari della Roma-Lido e alcuni residenti che abitualmente utilizzano questa fermata ferroviaria.

LAVORI FERMI DA ANNI

Insieme al Coordinamento della Lega in IX Municipio, oggi ho nuovamente denunciato lo stato di degrado nella stazione ferroviaria di Tor di Valle – ha commentato il consigliere Cucunato a margine dell’iniziativa – parliamo di degrado, pericolo sporcizia e soprattutto insicurezza, che si presentano negli spazi interni ed esterni della fermata. Una situazione vergognosa quella che vediamo in questa stazione della Roma-Lido, che evidenzia la superficialità delle politiche sulla mobilità portate avanti da Roma Capitale e Regione Lazio”. I lavori di manutenzione sono fermi da anni, mentre il cantiere abbandonato non presenta gli standard di sicurezza che ci si aspetterebbe di trovare su di una struttura di questo tipo.

I DISAGI PER GLI UTENTI

Questo abbandono si ripercuote nelle difficoltà che quotidianamente devono sopportare i cittadini privati di una stazione completa: “Un’odissea per gli oltre 4000 pendolari che ogni giorno utilizzano questa fermata, priva di scale mobili, servizi igienici, illuminazione e soprattutto ogni tipo di sanificazione utile a prevenire il contagio da Covid-19 – seguita il consigliere leghista – Fa rabbrividire lo stato del sottopasso della stazione, ormai ridotto peggio di un girone dantesco e che palesa il disinteressa ai problemi della cittadinanza da parte della Giunta Raggi e Zingaretti. Una situazione assurda, che spero però trovi presto una soluzione”.

TERMINARE LA RIQUALIFICAZIONE

La richiesta che dal carroccio avanzano al termine del sopralluogo è quella di arrivare al più presto alla ripresa e al termine degli interventi di riqualificazione, nonostante i problemi legati alla realizzazione dello Stadio della Roma: “Una situazione che la Lega Salvini Premier intende mettere tra le priorità da trattare e che porterà nel programma elettorale in vista delle prossime amministrative per Roma – aggiunge il consigliere Cucunato – Dopotutto è inammissibile avere una stazione ferroviaria che vede calcinacci cadere sulle banchine, transenne pericolanti, uscite d’emergenza divelte e circondata da discariche abusive”.

Red