Home Rubriche Go Green

Tor di Valle: rifiuti e roghi tossici, ancora segnalazioni dai cittadini

I residenti segnalano continui roghi nell’area in abbandono dove regnano degrado e micro-discariche abusive

SHARE

TOR DI VALLE – Non sono solo gli incendi di sterpaglie a preoccupare i cittadini dell’area limitrofa a Tor di Valle, ma i ben più tossici roghi di rifiuti che si ripetono ormai con cadenza quasi settimanale. È un nostro lettore residente in zona ad aver segnalato questa situazione a lettori@urloweb.com.

Vi scrivo per segnalare e denunciare i molti roghi tossici in zona di Tor di Valle.

Una situazione già descritta in vari articoli del Corriere risalenti al 2016, che è ritornata attuale questo 19/20 luglio 2020 grazie ad un articolo sul Messaggero uscito il giorno dopo.

Vi scrivo solo ora perché da due anni mi sono trasferito nel quartiere di Decima e quindi vivo il fenomeno più da vicino, preoccupato per l’incolumità e la salute della mia famiglia e delle migliaia di famiglie con bambini e cittadini che vivono tra Decima e il Torrino.

Francamente nei vari articoli si parla spesso di fiamme e incendi che potrebbero far pensare ai soliti incendi estivi provocati da cicche di sigarette o sterpaglia che prende fuoco per le temperature molto alte.

In realtà, queste colonne di fumo hanno un colore nero intenso ed un odore fortemente acre tipico di quando a bruciare sono sostanze tossiche e cancerogene, quali plastiche, materiali di gomma e circuiti elettrici.

Non sono incendi normali, ma roghi di sostanze depositate nelle zone interne di Tor di Valle dove sono presenti ormai da anni discariche abusive a cielo aperto non presidiate da nessuno e completamente fuori controllo, dove gente senza scrupoli getta rifiuti di ogni genere sicura di non rischiare assolutamente nulla!

Oltre a questi atti, che denotano assoluta mancanza di senso civico, ma anche assoluta mancanza di presidi di forze dell’ordine necessari per contenere questo fenomeno, ora assistiamo anche con cadenza che ormai divenuta quasi settimanale a roghi tossici provenienti dalle stesse zone, appiccati forse da organizzazioni criminali o gruppi di persone senza scrupoli, e di cui mi sfuggono le motivazioni.

Vi chiedo cortesemente di segnalare e approfondire la questione perché riguarda una moltitudine di famiglie, bambini e cittadini costretti ormai a respirare sostanze cancerogene sprigionate da questi roghi tossici con cadenza quasi settimanale!

Matteo Esposito

Continuate ad inviarci le vostre segnalazioni a lettori@urloweb.com

Red

(Foto di repertorio)