Home Municipi Municipio VIII

Municipio VIII: guardie zoofile a Parco Schuster

parco schuster repertorio

Partono i controlli sui microchip canini e sulle norme di comportamento in aree pubbliche

Ads

I CONTROLLI – Nella giornata di ieri all’interno dell’area del Parco Schuster in Municipio VIII sono stati attivati i controlli da parte delle Guardie Zoofile EARTH sui microchip canini e sulle norme di comportamento in aree pubbliche. A dare notizia di quest’azione è la stessa associazione in una nota: “Nel corso delle operazioni di controllo i cittadini sono stati informati sull’obbligatorietà del guinzaglio all’interno delle aree pubbliche finché non si arriva all’interno dell’area predisposta per i cani, dove è possibile lasciare libero il proprio animale”. 

LE SANZIONI – Sono circa dieci i proprietari di cani che non avevano provveduto all’iscrizione dei loro animali all’anagrafe canina: “Le Guardie EARTH – si legge in una nota – hanno provveduto ad identificarli e prescritto di rimediare entro tre giorni. Solamente in un caso si è reso necessario l’intervento della polizia poiché la persona controllata si è data alla fuga ma in brevissimo tempo è stata identificata e sanzionata grazie all’immediato intervento delle volanti”.

DALL’ASSOCIAZIONE EARTH – Sulla necessità di questi controlli è intervenuta Valentina Coppola, Presidente dell’associazione di tutela legale dei diritti di ambiente e animali: “I controlli delle Guardie Zoofile EARTH continueranno per tutto il periodo estivo – assicura – poiché solo attraverso azioni di verifica sui microchip si può contrastare l’abbandono dei cani e solamente grazie all’informazione è possibile far conoscere al cittadino quelle che sono le regole fondamentali per la corretta convivenza con i loro animali in contesto urbano”.

L’IDEA DEL MUNICIPIO VIII – Durante una nostra intervista era stato lo stesso Presidente del Municipio VIII, Paolo Pace, a parlare della necessità di valorizzare il lavoro delle guardie zoofile: “Stiamo valutando l’impiego di Guardie Zoofile volontarie per il controllo e la salvaguardia del territorio. Questi volontari possono vigilare sulle aree verdi, anche in contrasto al degrado – spiegava Pace – Inoltre si dovrà puntare sulla formazione di altri volontari, così da ampliare la presenza sul territorio. Una iniziativa piccola, a costo zero, che potrebbe migliorare di molto la percezione di sicurezza dei cittadini del Municipio VIII, soprattutto in merito alle condizioni delle aree verdi”.

Leonardo Mancini

Previous articleIncendio lungo via di Vigna Murata
Next articleOstiense: parte la petizione per riattivare la linea 761