Home Municipi Municipio VIII

San Paolo: chiesta la riqualificazione del parco intitolato a Donatella Colasanti

Cicculli, Luparelli (SCE): "Il degrado in cui versa è un’offesa alla memoria della donna scampata al massacro del Circeo"

SAN PAOLO – Non è la prima volta che il parco all’incrocio tra via della Villa di Lucina e viale Giustiniano Imperatore viene segnalato per il degrado in cui versa. Negli anni in diverse occasioni si sono rese necessarie bonifiche e pulizie straordinarie, sempre puntualmente vanificate dal ritorno dell’immondizia e degli atti vandalici ai danni degli arredi urbani. Il 12 maggio dello scorso anno però c’era stata una speranza per il futuro di questa piccola area verde incastonata tra i palazzi: l’intitolazione alla memoria di Donatella Colasanti la donna scampata al massacro del Circeo del 1975. Un’iniziativa fortemente voluta dal Municipio VIII e animata dal lavoro portato avanti dalle associazioni “Il tempo ritrovato” e “La cultura del cuore”, oltre che dalle famiglie Colasanti e Lopez. Si credeva che un’intitolazione così importante (e sentita) avrebbe inciso sulle condizioni e sull’attenzione rivolta al parco, ma così purtroppo non è stato.

Ads

L’IMPEGNO ALLA RIQUALIFICAZIONE

Nel parco ad oggi campeggia una targa che recita “Donatella Colasanti, combattente per la giustizia”, per ricordare la battaglia legale, civile e politica, combattuta per anni da Donatella Colasanti, che ha cambiato profondamente il nostro Paese. Per cercare di dare il giusto decoro all’area in Campidoglio è arrivata una mozione per la riqualificazione commentata in questo modo dai consiglieri di Sinistra Civica Ecologista, Michela Cicculli e Alessandro Luparelli: “Quel parco vogliamo diventi presidio sociale e culturale contro la violenza di genere e a questo scopo deve essere adeguatamente mantenuto e attrezzato. Oggi non è così. Per questo chiediamo un intervento urgente e necessario – e ancora – Il Municipio VIII è pronto a valorizzare l’area verde, ma devono essere garantite risorse adeguate per la riqualificazione, la manutenzione e la pulizia costante e per la dotazione di attrezzature necessarie per la completa accessibilità degli spazi“.

I DUE PARCHI INTITOLATI ALLE VITTIME

In Municipio VIII è presente anche un parco intitolato alla memoria di Maria Rosaria Lopez in via Pico della Mirandola 89 alla Montagnola. Assieme alla Colasanti anche Maria Rosaria Lopez venne stuprata e torturata da tre ragazzi la notte del 29 settembre 1975. Maria Rosaria morì mentre Donatella si finse morta per sopravvivere e continuare a lottare fino al giorno della sua scomparsa nel 2005.

Leonardo Mancini

Previous articleCovid-19: nel Lazio sono 9.235 i nuovi casi
Next articleEUR: il Planetario riaprirà il 22 aprile