Home Municipi Municipio VIII

Tra il Municipio VIII e il Comune di Marzabotto un gemellaggio all’insegna della memoria

Perfezionato il protocollo d’intesa per gemellare i due territori toccati da due eccidi consumati nel 1944 a distanza di pochi mesi

MUNICIPIO VIII – MARZABOTTO – Dal Municipio VIII, dove da poco si è insediata la nuova Giunta, arriva la notizia del perfezionamento amministrativo del protocollo di intesa per il gemellaggio tra il territorio delle Fosse Ardeatine e il Comune bolognese di Marzabotto. Il minisindaco Ciaccheri in una nota diramata nel pomeriggio di oggi ha parlato di un “impegno comune per non dimenticare mai gli eccidi nazifasciti”.

UN GEMELLAGGIO DETTATO DA DUE ECCIDI

Dal Comune di Marzabotto, una notizia che ci rende orgogliosi: assieme alla Sindaca Valentina Cuppi abbiamo formalizzato il gemellaggio tra il Municipio Roma VIII e il Comune di Marzabotto – seguita Ciaccheri – uniti dalla responsabilità di tenere viva la memoria di due episodi drammatici che hanno segnato la storia italiana e rappresentano due simboli di Resistenza per il mondo intero”. Da un lato l’eccidio delle Fosse Ardeatine, dove il 24 marzo del 1944 vennero assassinate 335 persone; dall’altro l’eccidio di Marzabotto, consumatosi in vari episodi dal 29 settembre fino al 5 ottobre del 1944 nei comuni alle pendici del Monte Sole in provincia di Bologna.

Ads

RAFFORZARE IL LEGAME TRA DUE COMUNITÀ

Ora con questo gemellaggio si rafforzerà l’intento di mantenere ben viva la memoria di questi eventi così tragici e che hanno segnato profondamente la storia e le vicissitudini di queste comunità. “Da questo momento torneremo a lavorare insieme lanciando un ponte tra le due comunità perché i territori del Parco Storico di Monte Sole a Marzabotto e il territorio dell’VIII Municipio segnato dalla presenza del mausoleo delle Fosse Ardeatine, condividano percorsi comuni per la memoria e per la costruzione di una società migliore”, conclude Ciaccheri.

LeMa

Previous articleCovid-19: nel Lazio superati i 1.000 casi, il rapporto con i tamponi è al 2%
Next articlePonte di Ferro: si guarda al modello Morandi