Home Municipi Municipio XII

Girolami: riaperto anche il secondo blocco di aule

Ma a due giorni dal rientro di tutti i bambini altri problemi hanno reso necessario un nuovo parziale spostamento

dav

Tratto da Urlo n.195 novembre 2021

MONTEVERDE – Il 2 novembre è stato riaperto anche il secondo blocco di aule della scuola Girolami. Il corpo A era stato inaugurato l’11 settembre alla presenza dell’allora Sindaca, Virginia Raggi. Dopo due anni e mezzo, quindi, finalmente tutti i bambini hanno potuto far rientro all’interno del plesso, chiuso da aprile 2019 perché dichiarato inagibile. La nuova amministrazione del Municipio ha fatto sapere di essere già al lavoro per il ripristino del corpo C (uffici e palestra). Intanto però, a due giorni dal rientro alla Girolami di tutti gli studenti, in seguito all’allagamento di alcune aule, 5 classi sono state spostate nuovamente presso la parrocchia N. S. di Coromoto. Al momento non si conoscono date certe sul rientro a scuola di questi studenti.

Ads

LA RIAPERTURA DEL CORPO B

Sono stato molto contento, con la mia prima ordinanza, della riapertura del corpo B della scuola, in continuità con il lavoro svolto dalla precedente amministrazione”, ha commentato il nuovo presidente del Municipio XII, Elio Tomassetti, che ha poi aggiunto: “Abbiamo già preso in mano la situazione per il corpo C che vogliamo riaprire al più presto, grazie al dialogo che stiamo portando avanti con il Ministero”. “La riapertura del corpo B è una grande soddisfazione”, ha detto Alessandro Galletti, oggi consigliere d’opposizione per il M5S in Municipio XII e nella passata consiliatura Assessore della Giunta municipale: “Abbiamo raggiunto l’obiettivo che ci eravamo prefissati a dispetto di tutte le critiche ricevute. Data la gravità delle condizioni in cui versava il plesso, abbiamo ottenuto un grandissimo risultato se confrontato con le tempistiche medie di riapertura delle scuole in Italia in seguito a chiusura. I lavori realizzati hanno inoltre reso la Girolami una delle scuole più sicure nel nostro paese”, ha aggiunto Galletti.

IL NUOVO SPOSTAMENTO

Il grande entusiasmo per la riapertura del corpo B ha subito però poco dopo, dicevamo, una battuta d’arresto: in seguito alle ingenti piogge, il 4 novembre alcune aule del plesso si sono allagate. Di conseguenza 5 classi sono state dislocate, di nuovo provvisoriamente, presso i locali della parrocchia N. S. di Coromoto (che aveva già ospitato alcuni bambini nel periodo dei lavori, ndr) dove, secondo le notizie ad ora in nostro possesso, è previsto che i piccoli studenti restino fino al 12 novembre. Abbiamo chiesto maggiori informazioni al Municipio che però, al momento in cui scriviamo, ha riferito di non poter ancora indicare date certe: “In seguito all’accaduto ci siamo immediatamente attivati come parte politica, insieme alla scuola e agli uffici. Ora attendiamo i risultati delle verifiche per conoscere in via ufficiale la reale causa delle perdite. Prima dei verbali e di tutte le prove tecniche non possiamo fornire tempistiche”, ha detto Tomassetti. Dure sono state le parole del consigliere municipale Giovanni Picone (Lega) in merito a quanto accaduto a pochi giorni dalla riapertura del corpo B: “Nonostante la consegna anche del secondo blocco di aule non mancano i disagi. Doveva essere una scuola all’avanguardia e invece ci sono già i primi problemi di infiltrazioni. Esigiamo trasparenza e chiarezza a tutela dei bambini e delle centinaia di famiglie che continuano a subire disagi”.

LA MANUTENZIONE SCOLASTICA

Ma la scuola Girolami non è l’unica a presentare problemi tra i plessi del Municipio XII. Basti pensare infatti alla scuola De Andrè, chiusa in attesa di nuove verifiche, alla Oberdan, che dopo i lavori di manutenzione dello scorso anno dovrà essere oggetto di altri interventi, e alla Bixio-Crispi, dove è stato realizzato un importante lavoro di rifacimento dei controsoffitti. Tutte queste storie non fanno che riportare alla luce l’importanza del tema della manutenzione scolastica. “Conosciamo bene la situazione in cui versano i plessi del nostro Municipio e siamo consci delle problematiche serie che attanagliano le strutture”, ha commentato Tomassetti, che ha assicurato: “Non ci limiteremo alla gestione delle emergenze ma lavoreremo col Campidoglio per intervenire su tutte le situazioni di disagio di ogni ordine e grado. Stiamo già lavorando con gli uffici comunali per lanciare un costante monitoraggio ed intervenire con azioni rapide e mirate. In questi giorni inoltre continua la campagna di visite e incontri in tutte le scuole del nostro territorio, che ho intrapreso per valutare ancora meglio in prima persona l’andamento della situazione con i dirigenti scolastici e i genitori”. A sottolineare la rilevanza del tema della manutenzione delle scuole è stato anche Galletti: “É necessario un lavoro specifico incentrato sulle strutture del nostro territorio, per questo ho chiesto al nuovo presidente l’istituzione di una commissione specifica sull’argomento, per focalizzarsi sui problemi e poter affrontare plesso per plesso le varie problematiche”. Quello della manutenzione scolastica deve essere un argomento prioritario nell’agenda politica della nuova amministrazione del Municipio anche secondo il consigliere municipale Pietrangelo Massaro (Fi): “Deve essere svolto un lavoro trasversale tra maggioranza e opposizione per giungere a un censimento degli istituti scolastici del territorio, al fine di verificare quale sia il loro stato attuale per poi pianificare interventi di manutenzione atti a garantire la sicurezza degli studenti e una buona fruibilità degli spazi da parte degli utenti”.

Anna Paola Tortora

Previous articlePonticello Laurentina: lavori finiti, per l’apertura si aspetta l’ok del Genio
Next articleTavola, tavola, chiodo, chiodo