Home Municipi Municipio XII

Voragine Colli Portuensi: almeno 2 mesi per la riparazione

Tratto da Urlo n.190 maggio 2021

MONTEVERDE – Il 15 aprile una voragine profonda 8 metri si è aperta nel tratto alto di viale dei Colli Portuensi. Nel cedimento sono stati coinvolti un’autovettura e un mezzo pesante che sono sprofondati nell’apertura creatasi. Quest’ultimo era un automezzo di Acea in zona per condurre delle ricerche volte a chiarire la natura di alcuni problemi a carico di una condotta privata di una strada non molto distante. Acea era lì per condurre una video ispezione per individuare il punto di unione della fogna di via Stanchi, una condotta sembrerebbe costruita in passato a dispersione e poi successivamente allacciata a quella comunale, con quella principale di viale dei Colli Portuensi.

Ads

Sono in corso accertamenti per individuare la causa del danno, che secondo un’ipotesi potrebbe essere stato causato dalla rottura della rete fognaria privata in quel punto. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco che hanno provveduto alla rimozione dei due mezzi coinvolti, mentre il tratto di viale dei Colli Portuensi è stato chiuso al traffico. Il danno che ha causato la voragine si trova 9 metri sotto il livello dell’asfalto.

Vista la complessità dell’intervento per riparare il guasto e ripristinare il tratto di strada, ci ha detto l’Assessore alla Mobilità del Municipio XII, Alessandro Galletti, “Acea ha stimato che saranno necessari 2 o 3 mesi. Data la profondità alla quale si è originato il danno è necessario che le operazioni avvengano in sicurezza: per questo Acea sta lavorando insieme al Dipartimento SIMU – afferente all’Assessorato ai Lavori Pubblici capitolino, ndr – per predisporre un piano per realizzare delle palificate”, ovvero, come è spiegato anche nel verbale di Acea, specifiche opere di sostegno delle pareti del terreno che consentano il raggiungimento del punto dove si trova il danno e la riparazione senza rischi. Fino ad allora la strada resterà chiusa al traffico.

APT

Previous articleLa Francia dei sogni
Next articleLa crisi dei rifiuti nel Lazio finisce all’esame del TAR