Home Rubriche City Tips

Roma: parte la sperimentazione di impianti pubblicitari LED

Cafarotti: “Installazioni pubblicitarie avanzate, costi ridotti e alternanza messaggi di pubblica utilità”

SHARE
Piazza del Campidoglio Roma repertorio

ROMA – Dal Campidoglio sta per partire la sperimentazione di impianti pubblicitari a Led da distribuire sul territorio Capitolino. Nulla di nuovo per alcuni territori che, in misura più contenuta, già ne hanno sperimentato le funzionalità (come all’incrocio tra via Laurentina e via C. Colombo), ma sicuramente un punto di partenza per cercare di ridurre l’impatto degli impianti pubblicitari nella Capitale. Dal Campidoglio si parla di Tecnologie avanzate, eco-compatibilità e costi ridotti, con la sperimentazione di impianti pubblicitari high tech, come la tipologia LED o plasma. È stata la Giunta Capitolina ad approvare l’utilizzo di queste tecnologie per ridurre l’impatto ambientale, nonché lo smaltimento del PVC e di ogni altro materiale sin qui adoperato, e di veicolare, senza oneri aggiuntivi, anche messaggi di rilievo istituzionale o di interesse pubblico. L’intento (come fatto già in passato in altre sperimentazioni come in Municipio VIII e IX) è infatti quello di prevedere anche la diffusione di un messaggio istituzionale della durata di 10 secondi per ogni minuto, nell’arco di tutte le fasce orarie giornaliere.

SOSTENIBILITÀ E COSTI RIDOTTI

Questo il commento dell’Assessore al Commercio di Roma Capitale, Carlo Cafarotti: “Diamo il via a un’innovazione nel campo dell’impiantistica pubblicitaria su Roma, che rivoluziona il comparto a più livelli. Via i materiali vetusti finora utilizzati, con una notevole ricaduta in termini di sostenibilità ambientale, ma anche costi ridotti grazie alla trasmissione digitalizzata e alternata delle immagini. Non solo – aggiunge Cafarotti – monitor e video wall trasmetteranno anche messaggi istituzionali e rivolti alla cittadinanza, senza contare il vantaggio estetico dei nuovi supporti, sicuramente più in armonia con l’aspetto urbano e paesaggistico della città”. La sperimentazione riguarderà impianti fissi, impianti collocati su strutture appositamente allestite in occasione dell’installazione di ponteggi e recinzioni di cantiere, e la trasformazione di impianti pubblicitari già inseriti nella nuova Banca Dati del Regolamento in materia di esposizione della pubblicità e di pubbliche affissioni.

I NUOVI IMPIANTI

Sempre dal Campidoglio fanno sapere che sarà fatta particolare attenzione a quanto sarà trasmesso con questi impianti. Infatti sarà consentita la sola impiantistica che garantisca all’Amministrazione modalità di controllo sulle riproduzioni, non interferisca con la sicurezza stradale, non trasmetta programmi televisivi in diretta, e che infine sia conforme alle disposizioni regionali in materia di inquinamento luminoso e orari di spegnimento. Inoltre gli impianti a LED saranno distanziati di almeno 100 metri.

Red