Home Rubriche City Tips

Tiberis: dal 31 luglio ha riaperto la spiaggia sul Tevere

Sotto Ponte Marconi sono tornati lettini e ombrelloni. Tutte le informazioni sull’accesso per i cittadini

SHARE

MARCONI – Ha aperto i battenti il 31 luglio scorso la spiaggia Tiberis lungo le rive del Tevere all’altezza di Ponte Marconi. La data di apertura era già stata annunciata nei giorni scorsi dal M5s del Municipio VIII che, in un’intervista rilasciata al nostro giornale dal Capogruppo Enrico Lupardini, aveva già anticipato novità e caratteristiche di questa nuova edizione del lido sul fiume Tevere.

I NUMERI DI TIBERIS

L’ingresso alla spiaggia, come nelle passate edizioni, è totalmente gratuito, con la possibilità di usufruire di sdraio, ombrelloni, fontane rinfrescanti e nebulizzatori. “Quest’anno, vista l’emergenza coronavirus – ha commentato la Sindaca Raggi su Facebook – per garantire la sicurezza di tutti i visitatori abbiamo raddoppiato l’area prato e previsto alcune misure come un sistema di gestione degli ingressi, un’App per valutare quante persone si trovano all’interno, e un servizio di pulizia continua di tutte le strutture. Con particolare attenzione ai lettini, le sedie ed i bagni”. L’accesso alla spiaggia sarà consentito dalle 9 alle 19.30, ogni giorno, tranne il lunedì. All’interno di Tiberis i visitatori troveranno 30 ombrelloni, 60 lettini, 27 tavolini, 130 sedie, 10 vele ombreggianti, nebulizzatori, 4 docce, 2 fontanelle, 2 campi da beach volley e 3.500mq di prato. Prevista anche un’area food & drink in cui saranno organizzati aperitivi e spettacoli musicali dal vivo.

IL PROGETTO TIBERIS E GLI STABILIMENTI URBANI

“Tiberis non è solo una ‘spiaggia’ – conclude la sindaca – è uno spazio di socialità, un luogo di svago per i più piccoli, un posto dove poter fare sport in modo totalmente gratuito grazie ai campi da beach-volley. Un progetto che abbiamo deciso quest’anno di ampliare con gli stabilimenti urbani nei parchi di Roma, creando così nuove realtà come Tiberis in altri punti della nostra città”. Il progetto nasce dalla partnership tra l’Ufficio Speciale Tevere di Roma Capitale e Agenda Tevere Onlus, che oltre ai partner privati “esterni” quali Italgas, Terna, Polidro2HO e Tecma.

IL RISPETTO DELLE NORME ANTI-COVID

Per garantire il rispetto delle norme sanitarie di distanziamento sociale, l’area a prato è stata raddoppiata, sarà garantito un servizio di gestione degli ingressi, ed è stata sviluppata una “app” per l’analisi dello stato di affollamento. Lettini, ombrelloni, bagni e, in generale, tutte le componenti di Tiberis saranno continuamente sanificati per garantire la sicurezza di tutti i cittadini. Per il recupero dell’acqua inoltre si è installato un sistema di raccolta e accumulo al fine di usarla per l’irrigazione.

Red