Home Rubriche City Tips

Cyber attacchi sono cresciuti di 48 punti percentuali, gaming nel mirino. Come tutelarsi?

Password, connessioni, siti. Negli ultimi mesi gli attacchi informatici si sono letteralmente moltiplicati.

Hacker provenienti dalla Russia, pirati della rete, semplici truffe online hanno dichiarato guerra ai nostri cellulari, ai nostri smartphone, ai nostri pc. E più in generale ai nostri dati.

È proprio il caso di chiederci, allora, se la nostra privacy sia al sicuro, se i nostri conti, i nostri account e le nostre vite digitali possono correre qualche rischio. Gli ultimi report, come si legge su questo sito, sono abbastanza eloquenti in tal senso. In Italia i cyber attacchi sono cresciuti di 48 punti percentuali rispetto all’ultimo anno, arrivando a coinvolgere una fetta di quasi 2 milioni di utenti della rete, in crescita rispetto al 2020 del 57,9%. Numeri che ovviamente coinvolgono tutte le parti della nostra vita online: social, home banking, servizi, interessi, intrattenimento. Ed è soprattutto all’interno di questa grande categoria che dobbiamo concentrare le maggiori attenzioni.

Ads

Sì, perché gli account dei siti di intrattenimento, soprattutto quelli di appuntamento ovvero dating o di gioco online, sono tra i più a rischio per quanto riguarda il furto dei dati personali. Le ultime ricerche parlano di casi che si riferiscono per il 48% proprio a questo ambiente.

Come possiamo fare per tutelarci? Come possiamo giocare online rimanendo però al sicuro? La risposta è semplice ma merita di essere approfondita e rimarcata con grande attenzione. Per giocare al sicuro bisogna scegliere solo siti, operatori, piattaforme e casinò online che aderiscono al circuito ufficiale di ADM, acronimo che indica l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato. Partecipare a questo circuito infatti da un lato offre una regolare licenza, che deve essere esposta sullo stesso sito di gioco.

Dall’altro la legalità è sinonimo di avanguardia tecnologica. Sì, perché i nostri dati sono protetti da un sistema di crittografia informatica di tutto rispetto, che attraverso protocolli SSL e TLS protegge anche le transazioni economiche effettuate, sia per le erogazioni delle vincite che per la fase di pagamento. Protocolli di sicurezza che vengono testati regolarmente, aggiornati e valutati attraverso dei particolari penetration test. Con questo nome si va ad indicare la procedura di tentato accesso a sorpresa, proprio per testare la solidità dell’architettura informatica.

Previous articleSan Paolo: è stato venduto l’hotel di via Costantino
Next articleLaurentina: vasto incendio all’incrocio con la Colombo