Home Rubriche City Tips

Il binomio Green-Digitale: come sfruttare la tecnologia per una casa sostenibile

Il digitale ha rivoluzionato la nostra quotidianità e la nostra società, intervenendo su più aspetti, fra i quali si trova anche il green. Si parla infatti di una rivoluzione che è andata a vantaggio anche dell’ecosistema, ed è per questo motivo che si tratta di un tema che richiede di essere approfondito. Questo per via del fatto che ogni famiglia, ogni giorno, ha la possibilità di sfruttare le nuove tecnologie per “vestire di verde” la propria abitazione.

Il contributo del digitale per una casa ecosostenibile

Ads

Quando si parla di case sostenibili e di tecnologie, la questione deve essere divisa in due aspetti: da un lato la struttura vera e propria, ovvero la bioedilizia, e dall’altro il modo in cui gli abitanti vivono la propria quotidianità all’interno della casa. Per quel che riguarda la bioedilizia, le costruzioni green si fondano sull’utilizzo di materiali ecosostenibili come il legno, mentre per l’arredo si chiamano in causa altri materiali eco come il cartone e il sughero. Se invece si fa riferimento alle abitudini domestiche, qui emergono tantissimi sistemi utili per vivere rispettando l’ambiente, e abbattendo il grado di emissioni di CO2.

La tecnologia, poi, insieme con la domotica, contribuisce a costruire un mondo più sostenibile: i vantaggi del digitale vengono utilizzati per aumentare il comfort in casa e per risparmiare sui consumi. Di questo ce ne occuperemo nel prossimo paragrafo, perché qui conviene concentrarsi ancora una volta sulla bioedilizia. Nello specifico, di recente si sono diffusi dei macchinari per la costruzione delle case che sfruttano il potenziale del digitale, il tutto partendo da un sistema di noleggio che ottimizza così le attrezzature ancora non utilizzate dalle imprese edili.

Come sfruttare il digitale per una casa green e hi-tech

La domotica è un elemento oramai imprescindibile per le case green e hi-tech. Si tratta infatti di un ecosistema di dispositivi interconnessi fra loro e collegati al router di casa, che aiutano ad ottimizzare i consumi automatizzando certi aspetti della gestione domestica. Un esempio lo si può fare citando le lampade che si accendono e spengono in piena autonomia, sfruttando i sensori di presenza, o i termostati intelligenti che permettono di modificare le temperature di ogni calorifero. Il risparmio, però, dovrebbe partire da una gestione ottimizzata delle proprie utenze. Alcuni fornitori danno la possibilità di controllare i consumi domestici tramite la bolletta online, come nel caso di ENGIE. In questa maniera, oltre ad evitare di attendere i classici tempi di spedizione del documento, si potranno ottenere notevoli vantaggi sul mancato consumo di carta e sulle emissioni di CO2.

Chiaramente una casa green non può fare a meno del corretto smaltimento dei rifiuti e del riciclo, da praticare seguendo alcuni consigli validi su come consumare meno carta tra le mura domestiche, insieme ad una gestione oculata delle risorse idriche.

 

Previous articleVilla Pamphilj: chiusa la parte Est del parco per un caso di influenza aviaria
Next articleTrullo: in pochi giorni si registrano due furti nel Nido Bussola D’Oro