Home Rubriche City Tips

Polizia Postale, il bilancio del 2022: aumentano i rischi della rete, soprattutto a danno dei minori

Pedopornografia, cyberbullismo, cyberterrorismo: tante le trappole del web a cui bisogna stare attenti

ROMA – 4.542 casi trattati, 1.463 soggetti indagati, di cui 149 arrestati per reati riconducibili ad abusi a danno di minori tramite internet, con un incremento dell’8% rispetto all’anno precedente. Questo è il bilancio tracciato dalla Polizia Postale nell’anno appena conclusosi, al quale si aggiungono, inoltre, 323 casi di cyberbullismo e 130 di sextorsion.

Nel 2022 sono stati trattati 424 casi di adescamento online, dove la fascia preadolescenziale (10-13 anni) risulta essere la più coinvolta.

Ads

Il Cncpo (Centro Nazionale di Contrasto alla Pedopornografia), grazie ad una continua e costante attività di monitoraggio della rete a scopo preventivo, ha visionato 25.696 siti, di cui 2.622 inseriti in black list o oscurati, in quanto presentavano contenuti pedopornografici.

L’attività di prevenzione si sta rafforzando attraverso il monitoraggio attivo della rete e una complessa attività di contrasto alle truffe online.

TRUFFE ONLINE

Numerose le truffe sul web nel corso del 2022, tra le quali spiccano i fenomeni del trading online (3.020 i casi trattati, 130 le persone), del revenge porn (244 casi trattati, di cui 34 a danno di minori, e 71 persone denunciate) e le truffe romantiche (442 casi trattati, 103 persone denunciate). Altra trappola digitale è quella del cyberterrorismo, che ha portato alla segnalazione di 831 elementi e 34 piattaforme interessate.

FINANCIAL CYBERCRIME

Il settore del financial cybercrime rappresenta una fonte appetibile e molto remunerativa sfruttata da numerose organizzazioni criminali, anche estere, come veicolo per finanziare le proprie attività illecite, al fine di manipolare le vittime e indurle a fornire informazioni riservate. Le conseguenze di un attacco riuscito possono essere drammatiche e avere effetti devastanti non solo su singoli utenti o investitori, ma anche sulle piccole e medie imprese, con ingenti perdite economiche e danni d’immagine non quantificabili.

In Italia sono state frodate 156 grandi, medie e piccole imprese, per un ammontare complessivo di oltre 20 milioni di euro di profitti illeciti, dei quali oltre 4 milioni sono stati recuperati grazie all’intervento della Postale.

Per quanto riguarda i fenomeni di phishing, smishing e vishing (tecniche utilizzate per sottrarre illecitamente dati personali e bancari, col fine di operare sui sistemi di home banking), sono state identificate e indagate 853 persone (+9% rispetto al 2021).

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE

Di rilievo, tra le iniziative, troviamo la campagna educativa itinerante di sensibilizzazione e prevenzione sui rischi e pericoli legati ad un uso non corretto della rete internet da parte dei minori, denominata “Una vita da social”. L’iniziativa, giunta quest’anno alla sua X edizione, ha coinvolto oltre 2 milioni e 800 mila studenti sia in Italia, sia all’estero. L’impegno dimostrato dalla Polizia Postale nell’azione di sensibilizzazione e informazione ha permesso, nell’anno appena conclusosi, di dar vita ad incontri con docenti e genitori in oltre 2.800 complessi scolastici.

Annalisa Ciutti

Previous articleCovid-19: nelle ultime 24 ore nel Lazio sono 3.086 i nuovi positivi
Next articleRoma, Smog: l’8 gennaio sarà la prima domenica ecologica del 2023