Home Municipi Municipio XI

Dal Consiglio del Municipio XI adesione alla fiaccolata per Stefano Cucchi

SHARE
fiaccola

Oggi il Consiglio del Municipio XI ha approvato all’unanimità la mozione con la quale aderisce alla fiaccolata “1000 candele per Stefano Cucchi” prevista per domani, sabato 8 novembre alle ore 18 in piazza Indipendenza

L’ADESIONE DEL CONSIGLIO – “Oggi il Consiglio del Municipio ha approvato all’unanimità la mozione con la quale aderisce alla fiaccolata ‘1000 candele per Stefano Cucchi’ che si svolgerà domani in piazza Indipendenza davanti alla sede del CSM e promossa dalla onlus ACAD (Associazione contro gli abusi in divisa): in un momento in cui la Giustizia sembra incapace di dare risposte ed individuare i colpevoli è importante che le Istituzioni facciano sentire la loro vicinanza stringendosi intorno al dramma di questa famiglia” dichiara Emanuela Mino, Presidente del Consiglio del Municipio XI.

UNA FERITA PER L’ITALIA – “Indipendentemente dal crimine commesso – continua Mino – se un cittadino è preso in custodia dallo Stato non può morire per cause diverse da quelle naturali: i segni sul corpo di Stefano restituiscono una ferita profonda per il nostro paese, che contravviene si principi di base di uno Stato di Diritto e pertanto auspico che nei gradi successivi di giudizio possa essere non solo ristabilita la verità ma identificati e puniti i responsabili, lo dobbiamo a Stefano, alla sua famiglia e soprattutto alla credibilità del sistema giudiziario italiano.

LE PAROLE DEL SINDACO – Era intervenuto così il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, dopo la sentenza sul caso Cucchi: “La sentenza sulla morte di Stefano Cucchi mi lascia senza parole. Il mio rispetto per i giudici è massimo, ma questa sentenza è dissonante rispetto alle conclusioni formulate dalla Commissione d’inchiesta sul Servizio Sanitario Nazionale del Senato che ho presieduto prima di diventare sindaco e che ha svolto una indagine sulle cause della morte di Stefano. La Commissione d’inchiesta si è trovata di fronte alla drammatica vicenda di un ragazzo che ha perso dieci chili in sei giorni: i consulenti della Commissione hanno documentato che, oltre alla disidratazione, il corpo di Stefano riportava alcune lesioni anche vertebrali. Nell’analizzare quanto accaduto, la sensazione forte della Commissione è che nei confronti di Stefano Cucchi abbiano prevalso le esigenze legate agli aspetti cautelativi rispetto a quelli sanitari. Stefano, come detenuto, non si è visto riconoscere lo stesso diritto alla salute di chi non si trova in carcere: la sua famiglia infatti non ha potuto parlare subito con i medici delle sue condizioni di salute, perché serviva l’autorizzazione di un magistrato di sorveglianza. Esprimo quindi la mia sincera vicinanza a Ilaria Cucchi e alla sua famiglia”. 

ZEROCALCARE – Il fumettista Zerocalcare ha creato un suggestivo poster per la fiaccolata di domani che recita: “Ci sono banchi di buio e di omertà intorno a certi abusi, un’oscurità stratificata che li rende impenetrabili come una corazza. Iniziamo ad accendere una luce su quel buio”. Il poster è visibile QUI