Home Cultura Libri

Municipio VIII: il sistema bibliotecario procede a vele spiegate

Tra metafore marinaresche e nuovi spazi, il territorio si prepara ad ospitare a San Paolo il suo quarto punto bibliotecario

Tratto da Urlo n.190 maggio 2021

MUNICIPIO VIII – Prende forma la riorganizzazione del sistema bibliotecario del Municipio VIII, territorio che, ormai da diverso tempo, scontava l’assenza di una vera e propria biblioteca, dopo la chiusura del vecchio polo situato negli ex Mercati Generali. Tuttavia, nel quartiere Ostiense, in questi anni si era comunque mantenuto un presidio, all’interno degli spazi offerti dal Caffè Letterario, ma una volta finita la convenzione c’era il rischio di lasciare il territorio sguarnito. Così negli ultimi mesi è stata messa in atto una riorganizzazione del servizio bibliotecario, che porterà a breve il Municipio VIII ad avere ben 4 presidi sul territorio. Un lavoro, spiega il consigliere Pd e presidente della commissione Cultura, Flavio Conia, “che è partito nel 2013 e che rappresenta una vittoria della maggioranza di centro sinistra che ha portato avanti questa battaglia”.

Ads

LA BIBLIOTECA ARCIPELAGO

Le inaugurazioni, in effetti, erano partite il 30 dicembre del 2019 con la Biblioteca Arcipelago, uno spazio specializzato nell’audio-visivo, aperto a Montagnola, in via Benedetto Croce 50, nell’Auditorium realizzato nella sede del Municipio VIII. “Purtroppo questa inaugurazione – sottolinea il consigliere Conia – è arrivata appena prima della pandemia, quindi è mancata la partecipazione dei cittadini”. L’aspettativa è quella non solo di portare i cittadini del quartiere e delle zone limitrofe a vivere la Biblioteca, ma soprattutto quella di far arrivare Arcipelago nel quartiere con iniziative e attività.

L’APPRODO E IL BIBLIOPORTO

Superati i mesi più duri dell’emergenza sanitaria, la Giunta Municipale ha poi inaugurato un Bibliopoint all’interno della scuola Casa dei Bimbi a Garbatella. Il nuovo punto, in convenzione con Biblioteche di Roma, ha preso il suggestivo nome di ‘L’Approdo’, e viene utilizzato anche da diverse associazioni in un patto di comunità con il Municipio. Mentre l’ultima novità riguarda l’apertura di un punto di prestito di Biblioteche di Roma (in via del Porto Fluviale 35), anch’esso frutto di un patto di comunità con Biblioteche di Roma e il Coworking Industrie Fluviali. “Volevamo ricreare sul territorio questo tipo di offerta dopo la chiusura della biblioteca del Caffè Letterario e in attesa che si riprenda il progetto degli ex Mercati Generali”, afferma l’assessora municipale, Francesca Vetrugno. Il Consigliere Conia ha sottolineato come l’apertura di questo punto prestito sia stata la risposta ad un bisogno del quadrante: “Tanti cittadini chiedevano di non lasciare il territorio senza questo servizio. Abbiamo ragionato con Biblioteche di Roma e trovato questa sinergia per una biblioteca leggera, non canonica”.

LA NUOVA BIBLIOTECA DI SAN PAOLO

Fino ad arrivare all’ultimo polo bibliotecario previsto, che troverà spazio in un locale commerciale di 500 mq a San Paolo, in via Costantino. “Finalmente andiamo verso l’apertura del nuovo polo di via Costantino che, con la biblioteca Arcipelago a Montagnola e l’Approdo a Garbatella, andrà a completare la ristrutturazione del servizio bibliotecario”. I lavori si sarebbero dovuti concludere a fine 2020, ma purtroppo l’emergenza sanitaria ha rallentato l’iter che solo oggi sta per riprendere. Infatti entro l’estate dovrebbero partire i cantieri: “Via Costantino è la vera opportunità per il territorio – spiega Conia – Un luogo strategico per la diffusione del libro e della lettura”. Ci troviamo infatti in un quartiere dove ormai è forte la vocazione universitaria, a brevissima distanza da Garbatella e da Tor Marancia. Naturalmente l’attesa resta per il ritorno di uno spazio bibliotecario all’interno degli ex Mercati Generali, una volta che questo intervento riprenderà.

Leonardo Mancini

Previous articleMunicipio XI: sotto esame la sicurezza delle scuole
Next articleDecluttering e moda romani